Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fp Cgil: in Italia mancano 60mila infermieri, rischio sanzioni Ue

colonna Sinistra
Lunedì 16 novembre 2015 - 12:33

Fp Cgil: in Italia mancano 60mila infermieri, rischio sanzioni Ue

L'Italia rischia procedura infrazione su orario di lavoro
20151116_123306_29C50918

Roma, 16 nov. (askanews) – Sessantamila infermieri in meno rispetto al fabbisogno. A tanto ammonta la carenza di personale infermieristico, pari al momento a 270 mila unità in sanità pubblica, nel nostro paese e “vera ragione” per la quale l’Italia rischia una nuova procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea sul giusto orario di lavoro. A denunciarlo è la Fp Cgil Nazionale lanciando così l’allarme, e la possibile soluzione, sui rischi che il nostro paese correrà tra meno di dieci giorni.

Il 25 novembre, infatti, entrerà in vigore, a distanza di un anno dalla concessione della proroga, l’applicazione della normativa Ue sul giusto orario di lavoro in Sanità pubblica. È di questi giorni l’avvio di un tavolo di trattativa per gestire la vicenda tra sindacati e governo presso l’Aran ma, spiega la categoria dei servizi pubblici della Cgil, “siamo in gravissimo ritardo. Abbiamo trascorso invano un anno senza che il nostro paese si mettesse in regola, con il rischio, a questo punto certo, di subire pesanti sanzioni da parte dell’Unione Europea”.

Nel dettaglio la direttiva europea prevede il rispetto delle 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore e di non poter superare le 48 ore lavorative settimanali. “Uno standard attualmente impossibile da garantire per l’esiguo personale disponibile”, precisa la Fp Cgil, spiegando che “tutte le professioni sanitarie ‘turniste’ sono soggette a massacrati turni e continui straordinari, che fanno ricadere solo sulle loro spalle la tenuta del Servizio sanitario nazionale”.

“L’impossibilità di poter garantire il giusto orario di lavoro” deriva, secondo la Fp Cgil, dal totale degli infermieri impiegati in Sanità pubblica. Dal 2010, anno del blocco del turnover, “si è progressivamente ampliata una carenza sul totale degli infermieri occupati”, i quali attualmente sono oltre 270 mila su tutto il territorio nazionale. Un tale dato risulta di molto al di sotto del ‘giusto’ rapporto, come individuato dall’Ocse, tra il numero degli infermieri e quello della popolazione totale, che dovrebbe essere pari a sette infermieri su mille abitanti.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su