Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Padoan: mi aspetto che Ue accetti nostre richieste flessibilità

colonna Sinistra
Martedì 10 novembre 2015 - 15:52

Padoan: mi aspetto che Ue accetti nostre richieste flessibilità

"Il disegno generale della Legge di Stabilità è entro Patto Ue"
20151110_155235_A061308A

Bruxelles, 10 nov. (askanews) – Il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, ha detto oggi a Bruxelles di attendersi che le richieste del governo di applicare la flessibilità prevista nell’applicazione del Patto di Stabilità Ue siano accolte dalla Commissione europea nella sua imminente valutazione della legge finanziaria italiana. “Mi aspetto – ha detto Padoan in una conferenza stampa al termine del Consiglio Ecofin – che le ragioni per cui chiediamo le clausole di flessibilità siano assolutamente accolte, perché il disegno generale della legge di Stabilità è assolutamente all’interno delle regole del Patto”.

Il ministro ne ha parlato ieri nei due colloqui successivi che ha avuto, sempre a Bruxelles, prima con il vicepresidente della Commissione responsabile per l’Euro e il Dialogo sociale, Valdis Dombrovskis, e poi con il commissario Ue agli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici. “Io ho chiarito ai commissari le ragioni per cui l’Italia chiede di avvalersi delle clausole di flessibilità”, sia quella riguardante le riforme strutturali e gli investimenti pubblici che quella per i costi della crisi migratoria, considerata come “evento eccezionale”, ha detto Padoan, ricordando che la flessibilità chiesta sulle riforme è “come quella già concessa ad aprile”, l’anno scorso, che era stata “pari allo 0,4% del Pil”.

Con Dombrovskis e Moscovici, ha aggiunto Padoan, “ho chiarito anche le ragioni che stanno dietro al taglio delle tasse”.

Quanto alle ipotesi secondo cui sarebbe in corso un negoziato fra Roma e Bruxelles sui decimali di deficit/Pil che valgono le clausole di flessibilità, il ministro ha puntualizzato che da parte della Commissione “non c’è nessuna richiesta di fare qualcosa in cambio di qualcos’altro”. E sulla flessibilità per la crisi dei migranti, ha aggiunto, “la Commissione ha preso atto della documentazione piuttosto dettagliata che il governo le ha inviato; ma siccome devono prendere una decisione orizzontale, che riguarda tutti i paesi, ci vorrà più tempo”, rispetto alle valutazioni sugli altri punti.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su