Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Colpo di mano dei governi Ue, limiti emissioni auto raddoppiati

colonna Sinistra
Mercoledì 28 ottobre 2015 - 17:36

Colpo di mano dei governi Ue, limiti emissioni auto raddoppiati

Norma Euro 6 per NOx meno stringente e in vigore solo nel 2019
20151028_173537_D1AA8086

Bruxelles, 28 ott. (askanews) – E’ un vero e proprio colpo di mano, da parte dei governi degli Stati membri, che oggi a Bruxelles hanno approvato a maggioranza qualificata una decisione tecnica sui motori delle auto che in sostanza ritarda di due anni l’entrata in vigore “effettiva” della norma Euro 6 per le emissioni di ossidi d’azoto (NOx), e allo stesso tempo accetta che venga ampiamente violata con valori molto più alti del previsto.

La Commissione europea aveva proposto al Comitato tecnico Ue sui veicoli a motore (Tcmv), in cui siedono e votano gli esperti dei governi degli Stati membri, di rendere la norma Euro 6 effettiva per l’omologazione dei nuovi veicoli sulla base di test su strada in condizioni di guida reali (invece che in laboratorio, molto meno affidabili, come ha dimostrato lo scandalo Volkswagen) a partire dal primo settembre 2017, lasciando comunque due anni alle case automobilistiche per adeguarsi, potendo “sforare” del 60% il limite di 80 mg per Km per le emissioni dei NOx. Secondo la proposta, il rispetto del limite sarebbe diventato tassativo al primo settembre del 2019.

Ma nel Comitato Tcmv, riunito oggi a Bruxelles, la Commissione ha trovato un’ampia opposizione alla sua proposta e alla fine è passato un accordo molto più “tollerante” sia sui valori delle emissioni che sui tempi di attuazione. Secondo l’accordo, approvato con la sola opposizione dell’Olanda e astensione della Repubblica ceca (tutti gli altri hanno votato a favore), il limite di 80 mg/Km per i Nox per l’omologazione dei nuovi modelli potrà essere verificato nei test su strada in condizioni reali solo dal settembre 2019 (invece che 2017) e potrà comunque essere superato di un fattore 2,1 (“fattore di conformità”) fino al primo gennaio 2021. In più, oltre questa data, il rispetto della norma non sarà comunque tassativo, perché il limite potrà essere ancora superato del 50% (fattore 1,5).

E’ come se il Comitato tecnico, in sostanza, avesse cambiato, annacquandola, la proposta legislativa sulla norma Euro 6, decisa fin dal 2007, e non solo le date della sua entrata in vigore. E stupisce che la Commissione europea, guardiana della legalità comunitaria, abbia accettato l’accordo degli Stati membri.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su