Header Top
Logo
Mercoledì 12 Agosto 2020

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Farmaci generici, Made in Italy sconosciuto che vale 3 miliardi

colonna Sinistra
Venerdì 11 settembre 2015 - 20:24

Farmaci generici, Made in Italy sconosciuto che vale 3 miliardi

Comparto di 60 aziende che danno lavoro a 10.000 persone
20150911_202434_F01D62D7

Sandrigo (Vi), 11 set. (askanews) – Nonostante la persistente diffidenza degli italiani per i farmaci generici-equivalenti, i produttori nazionali di questo comparto hanno visto nel giro di 15 anni crescere il loro mercato di riferimento: oggi vale tre miliardi di euro e queste sessanta imprese, quasi tutte del Nord, danno lavoro a 10.000 persone. Un Made in Italy poco conosciuto, che esporta quasi la metà della produzione, e che puntando tutto sulla qualità è riuscito a imporsi anche come fornitore di grandi multinazionali farmaceutiche.

“L’Italia ha una tradizione nella produzione farmaceutica – ha evidenziato Paolo Angeletti, vicepresidente di Assogenerici, durante la prima tappa dell’iniziativa ‘Fabbriche aperte’ partita dalla Zeta Farmaceutici di Vicenza – assolutamente di livello mondiale. Siamo ricercati anche come produttori da multinazionali estere che vogliono produrre in Italia, ma che a volte sono frenate da paletti burocratici difficili da superare e che rischiano di far perdere competitività al comparto farmaceutico nazionale”.

Il risultato è che certi farmaci di marca escono a volte dalle stesse aziende dei generici, ma non tutti lo sanno e i pregiudizi resistono, come ha sottolineato Cesare Benedetti, presidente della Zeta Farmaceutici: “Si pensa sempre che sia un qualcosa che è stato fatto per ridurre i prezzi e quindi contrarre il principio attivo che deve curare una certa patologia. Non c’è niente di più falso: il generico è sempre stato un prodotto estremamente positivo, utile al paziente, utile all’amministrazione perché costa un po’ meno e utile all’azienda che produce. E’ utile un po’ per tutti”.

Il comparto gode comunque di buona salute e per non perdere competitività rispetto ai concorrenti indiani o cinesi chiede alle istituzioni italiane ed europee di togliere un divieto: quello di produrre equivalenti di farmaci vicini alla scadenza del brevetto anche se destinati all’esportazione in Paesi dove lo stesso brevetto è già scaduto.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su