Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ocse: 1 giovane italiano su 3 è “neet”, non lavora e non studia

colonna Sinistra
Giovedì 9 luglio 2015 - 11:48

Ocse: 1 giovane italiano su 3 è “neet”, non lavora e non studia

Tra 20 e 29 anni superano il 30% contro media Ocse sotto il 20%
20150709_114816_DF60FA7C

Roma, 9 lug. (askanews) – In Italia praticamente un giovane su tre tra 24 e 29 anni non lavora, non studia e non segue alcun percorso di formazione. Lo rileva l’Ocse nel sul ultimo rapporto annuale sull’occupazione, che torna ad affrontare il nodo problematico dei giovani “Neet”, l’acronimo inglese di questa categoria (Neither Employed nor in Education or Training). In Italia sfiorano il 35 per cento nella fascia di età 25-29 anni, a fronte di una media Ocse inferiore al 20 per cento. Sempre in Italia superano il 30 per cento sulla fascia 20-24 anni.

Guardando alla più ampia fascia di età 15-29 anni, dove tuttavia il dato italiano incorpora la quota di giovani che vanno ancora a scuola, la percentuale di Neet nella penisola si attesta attorno al 25 per cento. Uno su quattro quindi, a fronte di una media Ocse attorno al 15 per cento.

Secondo l’Ocse la percentuale di Neet in Italia è aumentata del 40 per cento dall’inizio della cris, scavando “un divario” rispetto alla media dei paesi avanzati. Dopo aver subito un marcato peggioramento, più di recente le prospettive occupazionali dei giovani si sono stabilizzate, con un tasso di disoccupazione attorno al 42 per cento.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su