Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue, Vegas: dopo unione bancaria serve unione mercati capitali

colonna Sinistra
Lunedì 11 maggio 2015 - 12:26

Ue, Vegas: dopo unione bancaria serve unione mercati capitali

Regole e tassazione siano omogenei in tutta Europa
20150511_122635_26410453

Rho-Pero, 11 mag. (askanews) – Dopo l’unione bancaria è giunta l’ora di dare vita al progetto di una unione dei mercati dei capitali realmente integrata. E’ l’esortazione del presidente della Consob, Giuseppe Vegas, nel corso del suo intervento all’incontro annuale con il mercato finanziario. E il livellamento del piano di gioco – ha sottolineato Vegas – deve essere sia sul fronte delle leggi, con l’adozione di un Tuf europeo, sia soprattutto sulla tassazione. “Se essa resterà, come è oggi, troppo diversificata fra Paesi, il mercato non potrà mai essere unico e l’Europa sarà meno competitiva”, ha detto.

“La realizzazione del progetto di capital markets union sarà decisiva per lo sviluppo economico dell’Europa nel prossimo decennio – ha spiegato -La sfida è impegnativa ma alla nostra portata”. E a tal proposito Vegas cita il Talmud: “E se non ora quando?”, perché “il tempo che abbiamo a disposizione non è infinito”.

La banking union, ha spiegato, “non può che essere parte di un disegno più ampio, volto a promuovere tutte le diverse forme di finanziamento delle attività produttive”. Per realizzare un vero livellamento del piano di gioco, ha proseguito, “occorre intervenire su molti altri comparti della regolamentazione che insistono sul mercato del credito, a partire da norme civilistiche e fallimentari”. I diversi soggetti che concorrono a finanziare le attività produttive, ha proseguito ancora, “dovranno essere sottoposti a una disciplina regolamentare e di vigilanza omogenea” e a tal proposito “occorre prendere le mossa dalla redazione di un verto e proprio Testo unico della finanza europeo che codifichi in una singola fonte tutte le norme sui mercati finanziari del Vecchio Continente. Non è un obiettivo irrealistico, può essere perseguito nella corrente legislatura europea”.

“Se questa sarò la reale portata della capital markets union essa potrà rappresentare il cruciale punto di passaggio verso una vera unione economica e fiscale – ha spiegato ancora Vegas – E per far funzionare un mercato finanziario europeo realmente unificato non si può trascurare il tema della tassazione. Dobbiamo darci la medesima tassazione e legge”, ha concluso.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su