Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Confcommercio: pasta, uova ed olio costano meno di 50 anni fa

colonna Sinistra
Mercoledì 29 aprile 2015 - 13:00

Confcommercio: pasta, uova ed olio costano meno di 50 anni fa

In 70 anni rivoluzione nei consumi: meno cibo e più servizi
20150429_130022_65E7B574

Roma, 29 apr. (askanews) – Per pasta, uova ed olio di oliva i prezzi sono in media più bassi che negli anni ’50. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio Studi di Confcommercio, diffusa in occasione dei settant’anni dell’Associazione. Rispetto al passato, poi, la spesa degli italiani è più orientata all’acquisto di beni e servizi più che di generi alimentari.

Nel 1945, anno di costituzione di Confcommercio, in un contesto di sopravvivenza per gli effetti della guerra, i consumi delle famiglie italiane erano rivolti per circa l’80% a generi alimentari e bevande (negli anni prebellici erano intorno al 54%). Mediamente il prezzo del pane, calcolato con i valori attuali in euro, era pari a poco più di un euro al chilo, un litro di latte costava 1,03 euro, un chilo di pasta circa 2 euro, un chilo di carne bovina 13 euro.

Già nel 1955 i consumi si erano diversificati e la quota di consumo dei beni e servizi non alimentari aveva raggiunto il 39%, mentre i generi alimentari scendevano al 50%. Questa tendenza negli ultimi 60 anni si è progressivamente accentuata.Oggi, in una società post-industriale e fortemente terziarizzata, il consumo di beni e servizi non alimentari supera il 75%, mentre la spesa per i prodotti alimentari rappresenta meno del 20%.

Fermo restando la diversificazione nella qualità e nella varietà dei prodotti in commercio, attualmente un chilo di pane costa in media 2,80 euro, la pasta 1,60 euro al chilo, un litro di latte 1,55 euro, la carne bovina poco più di 16 euro al chilo.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su