Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cgil: tagliola su pensionati, in 4 anni persi 1.779 euro a testa

colonna Sinistra
Venerdì 27 marzo 2015 - 10:00

Cgil: tagliola su pensionati, in 4 anni persi 1.779 euro a testa

Per effetto blocco 2012-2013 e rivalutazione -9,7 mld
20150327_100009_7272BFDB

Roma, 27 mar. (askanews) – Una vera e propria tagliola si è abbattuta negli ultimi quattro anni su 5,5 milioni di pensionati a cui sono stati sottratti 9,7 miliardi di euro, pari ad una perdita media pro-capite di 1.779 euro. E’ l’effetto, calcolato e reso noto oggi dallo Spi-Cgil, del blocco della rivalutazione delle pensioni in vigore negli anni 2012-2013 e delle modifiche apportate allo stesso meccanismo negli anni seguenti.

Nel biennio 2012-2013, infatti, l’adeguamento delle pensioni è stato bloccato per importi superiori a tre volte il trattamento minimo, ovvero circa 1.400 euro lordi. Nel biennio 2014-2015 invece l’adeguamento è stato sull’intero importo della pensione con una percentuale del 100% solo per tutti quelli che hanno un assegno fino a tre volte il trattamento minimo mentre decresce per le altre categorie d’importo dallo 0,95% fino allo 0,40%.

Nel dettaglio, per importi fra 1.500,00 – 1.749,99 la perdita è di 1.138 euro; fra 1.750,00 – 1.999,99 si perdono 1.309 euro;fra 2.000 – 2.249,99 sono 1.479 euro, fra 2.250 – 2.499,9 la perdita è 1.725 euro, fra 2.500 – 2.999,99 è 2.037 euro; e oltre3.000 la perdita è 3.567 euro.

Uno scenario, sottolinea Spi-Cgil, che è destinato a peggiorare con un tasso di inflazione annuo al 2%, come da obiettivo della Bce. Secondo gli attuali meccanismi di calcolo della rivalutazione, infatti, ai pensionati sarebbero sottratti ulteriori 3,6 miliardi di euro.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su