Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Grecia boccia proposta Eurogruppo:”Assurda”. Liquidità a rischio

colonna Sinistra
Lunedì 16 febbraio 2015 - 20:17

Grecia boccia proposta Eurogruppo:”Assurda”. Liquidità a rischio

Atene potrebbe farcela fino all'estate, ma a marzo scoglio bond
20150216_201649_51853FA2

Roma, 16 feb. (askanews) – Ormai è muro contro muro tra Atene e area euro. La Grecia ha respinto come “assurde e inaccettabili” le proposte avanzate dal presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. Sostanzialmente prevedevano la prosecuzione dell’attuale piano di aiuti e correzione. Ma questa ipotesi “era stata rimossa dal tavolo al vertice europeo”, sostengono da Atene. “L’insistenza di certe persone è assurda e inaccettabile.Quindi oggi non ci sarà accordo”. In precedenza, alcuni ministri delle Finanze di altri Paesi avevano invece affermato che la proroga del piano rappresentava l’opzione più valida. La Grecia però accusa il capo dell’Eurogruppo di aver cercato di forzare la mano, prevedendo condizioni che il governo greco aveva esplcitamente indicato come irricevibili.

A questo punto, secondo alcuni analisti la Grecia potrebbe essere in grado di barcamenarsi finanziariamente fino all’estate. “Tecnicamente, non ci saranno problemi. Lo stato greco potrà continuare a pagare salari e pensioni, perché ci saranno delle entrate e il bilancio è in equilibrio”, sostiene Jesus Castillo, analista per il sud Europa di Natixis.

Tuttavia la questione potrebbe non essere così semplice. Il mese prossimo c’è uno scoglio molto insidioso. A marzo giungeranno a maturazione titoli a breve scadenza per 4,6 miliardi di euro. Secondo Castillo si potrebbe regolare la questione con lo strumento più consueto: emettendo nuovi titoli a breve scadenza per un ammontare equivalente. Resta però tutto da vedere a quali tassi di interesse, e quindi costi, si dovrebbe effettuare una operazione simile nell’eventualità di un accresciuto allarmismo, causato dall’assenza di una intesa anche solo momentanea con Eurolandia.

Il 28 febbraio scadrà l’attuale programma Ue di aiuto e correzione della Grecia, e da alcuni giorni sono in corso trattative per cercare una soluzione sull’immediato, che garantisca liquidità il tempo necessario a elaborare e trattate un piano complessivo con il nuovo governo targato Syriza.Tuttavia le speranze che si erano viste sul finale della scorsa settimana hanno nuovamente lasciato il campo al nervosismo fin da stamattina, con il ministro tedesco Wolfgang Scaheuble che si diceva “molto scettico” e accusava il governo di Alexis Tsipras di “comportamenti irresponsabili”, suscitando la piccata replica di Atene.

Dopo “l’ufficializzazione” del non accordo resta da vedere se da qui a giovedì, o forse venerdì, si potrà tentare di cercare una ricucitura, mentre Dijsselbloem ha ipotizzato un nuovo Eurogruppo venerdì. Sarebbe il terzo in due settimane.

Altre ricostruzioni di stampa ipotizzavano la Grecia a corto di contanti già a fine mese. Comunque ai bond in scadenza si aggiungono 1,2 miliardi di euro che vanno restituiti al Fondo monetario internazionale. “Ci sono le riserve necessarie”, ha assicurato il viceministro delle Finanze greco Dimitris Mardasi.E anche secondo un accademico di Atene, Panayotis Petrakis, professore di economia finanziaria, “marzo sarà gestibile”. Il protrarsi di trattative infruttuose potrebbe avere invece ricadute problematiche sulle liquidità delle banche, e non è escluso che la Bce finisca per aumentare ulteriormente il livello alle liquidità di emergenza (Ela) che ha aperto a favore delle banche elleniche.

Ad ogni modo, se anche riuscisse a tirare avanti fino all’estate, tra luglio e agosto la Grecia dovrà pagare bond a lungo termine per 3,5 e 3,2 miliardi di euro. E a quel punto il supporto esterno sarà inderogabile, salvo voler finire insolventi. Intanto la Borsa di Atene ha salutato i rinnovati attriti con una caduta del 3,83 per cento, mentre sono ripartite le vendite sui titoli di Stato ellenici facendo salire i rendimenti sul decennale al 9,60 per cento (ancora sotto la soglia psicologica del 10 per cento).

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su