Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Gauguin inavvicinabile anche per i 100 mln di Isabella di Leonardo

colonna Sinistra
Martedì 10 febbraio 2015 - 18:39

Gauguin inavvicinabile anche per i 100 mln di Isabella di Leonardo

I moderni guidano la lista dei quadri più pagati nella storia
20150210_183848_EB122573

Roma, 10 feb. (askanews) – Il ritratto di Isabella d’Este, recuperato in Svizzera dalla Procura della Repubblica di Pesaro, e attribuito a Leonardo da Vinci, sembra stesse per essere venduto per oltre 100 milioni di euro. Una cifra notevole, soprattutto se si considerano i dubbi sull’autenticità dell’opera e i precedenti casi di opere attribuite a Leonardo, passate per la Svizzera. Si tratta di un disegno, La Bella Principessa, e di una tavola che rappresenterebbe una Mona Lisa giovane, ritratta da Da Vinci dieci anni prima di completare il capolavoro esposto al Louvre.

Ma al di là delle cifre attribuite dalla stampa al ritrovamento,la cronaca parla di valori ben più consistenti, e reali, chehanno caratterizzato il mercato dell’arte negli ultimi tempi. Iprimi posti in classifica sono però tutti occupati da operemoderne o contemporanee.

Il record assoluto è stato aggiornato tre giorni fa con lavendita di Nafea Faa Ipoipo (Quando mi sposi?) dipinto nel 1892da Paul Gauguin. L’opera è stata venduta per una cifra vicina ai300 milioni di dollari dalla famiglia del collezionista svizzeroRudolf Staechelin ad un acquirente del Qatar, si dice la famigliareale.

Di sicuro è andato ad un componente della famiglia reale del Qatar il precedente detentore del record: uno dei tre dipinti della serie ‘I giocatori di carte’ di Paul Cezanne, venduto nel 2011 dall’armatore greco George Embiticos al termine di una trattativa privata per un importo stimato in circa 260 milioni di dollari.

Al terzo posto, No.5 di Jackson Pollock, venduto privatamente dall’imprenditore discografico, e cofondatore con Steven Spielberg della DreamWorks, David Geffen, nel 2006 per 140 milioni di dollari (circa 160 milioni al valore attuale). Si dice che Geffen si privò di questa, come di altre opere della sua collezione, per finanziare la fallita scalata al quotidiano Los Angeles Times.

Ma sono molte più di quanto si possa pensare le opere passate di mano per cifre stratosferiche e con storie a volte rocambolesche.Ne riportiamo alcuni esempi tra i più noti.

Woman III di Willem de Kooning. Anche quest’opera fu venduta nel 2006 da David Geffen per 137,5 milioni di dollari (circa 155 milioni di dollari il valore attualizzato). Acquirente il manager di hedge fund Steven Cohen.

Il Sogno, olio su tela dipinto da Pablo Picasso nel 1932 e venduto nel 2013 dal re dei casinò di Las Vegas, Steve Wynn, al finanziere americano Steven Cohen per 155 milioni di dollari. La vendita era già stata concordata tra i due nel 2006 per un prezzo di 160 milioni attuali ma l’operazione saltò dopo che lo stesso Wynn provocò uno strappo di 15 centimetri sulla tela mentre la mostrava ad alcuni suoi amici. Il restauro costò poco meno di 100.000 dollari.

Ritratto di Adele Bloch-Bauer I, dipinto nel 1907 da GustavKlimt. Venduto nel 2006 dall’erede di Adele Bloch-Bauer, MariaAltmann, al termine di una lunga battaglia legale con il governoaustriaco che voleva mantenere in patria una delle opere piùconosciute di Klimt. La tela fu venduta per 135 milioni didollari (circa 154 attualizzati) ed acquistata al termine di unatrattativa privata gestita da Christies dal magnate deicosmetici Ronald Lauder.

La prima versione del “Ritratto del dottor Gachet”, dipinta daVincent Van Gogh nel 1890 e venduta esattamente 100 anni dopodalla famiglia del collezionista Siegfried Kramarsky in un’astagestita da Sotheby’s. La tela fu aggiudicata all’imprenditoregiapponese Ryoei Saito per 82 milioni di dollari dell’epoca (146mln attualizzati), facendo vincere all’opera di Van Gogh iltitolo di dipinto più costoso di sempre. Lo stesso Ryoei Saitocomprò pochi giorni dopo anche un Renoir per una cifra di pocoinferiore.

Tre studi di Lucian Freud, trittico dipinto dal pittore di origini irlandesi Francis Bacon nel 1969. Si dice di proprietà di un collezionista italiano, e stato battuto all’asta da Christies a New York nel 2013 per 142,4 milioni di dollari.Ignoto l’acquirente.

Bal du muolin de la Galette dipinto nel 1876 da Pierre AugusteRenoir venduto nel 1990 dall’editore del New York Herald Tribunee presidente del MoMa, John Hay Whitney, all’imprenditoregiapponese Ryoei Saito per 78 milioni di dollari (pari a circa137 milioni attualizzati). All’epoca la vendita, curata daSotheby’s, piazzò l’opera al secondo posto nella classifica deiquadri più costosi di sempre.

“Ragazzo con la pipa” dipinto da Pablo Picasso nel 1905 e venduto all’asta da Sotheby’s nel 2004 per 104 milioni di dollari (circa 125 milioni il prezzo attualizzato) ad un acquirente sconosciuto.All’epoca la stampa americana parlò di Guido Barilla come acquirente. Il prezzo di vendita fu anche oggetto di contestazioni da parte di alcuni critici che giudicavano l’opera lontana da quel valore, non essendo una delle più significative tra quelle di Picasso.

La quarta versone de L’Urlo, pastello dipinto nel 1895 da EdvardMunch. Battuta nel 2012 a poco meno di 120 milioni di dollari daSotheby’s ed acquistata dal finanziere americano Leon Black.

“Nudo, foglie verdi e busto” dipinto da Pablo Picasso nel 1932.Di proprietà dalla collezionista americana Frances Lasker Brody,vedova dell’immobiliarista Sidney Brody. Fu venduto nel 2010, unanno dopo la sua morte, in un’asta gestita da Christies per 106milioni di dollari (115 milioni di dollari di oggi). Sconosciutol’acquirente che piazzò l’offerta vincente per telefono.

“Ritratto di Dora Maar” dipinto da Pablo Picasso nel 1941 evenduto nel 2006 dalla famiglia del fondatore della casa dicosmetici Helene Curtis, Gerald Gidwitz, nel corso di un’asta daSotheby’s per 95 milioni di dollari (111,5 milioni di dollariattuali). Molte speculazioni all’epoca sull’acquirente. All’astal’offerta vincente fu piazzata da un rappresentante dinazionalità russa ma non è mai stato chiarito per conto di chiagisse.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su