Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Jobs act, ok Senato a fiducia con 166 sì, delega è legge

colonna Sinistra
Mercoledì 3 dicembre 2014 - 19:43

Jobs act, ok Senato a fiducia con 166 sì, delega è legge

Ok definitivo dopo lungo e contrastato iter. Da minoranza Pd sì con riserva
20141203_194314_C8BF3AFB

Roma, 3 dic. (askanews) – Con 166 sì, 112 no e un astenuto, l’Aula del Senato ha votato la fiducia al governo sul Jobs act, approvando definitivamente in terza lettura la delega per la riforma del mercato del lavoro nella stessa versione licenziata dalla Camera.

Il semaforo verde di palazzo Madama arriva dopo un lungo e contrastato iter parlamentare con la spaccatura all’interno del Pd e i sindacati in piazza contro le modifiche all’articolo 18. Al Senato la minoranza Pd ha votato sì alla fiducia per “senso di responsabilà” annunciando battaglia sui decreti delegati.

Molte le novità in arrivo che però diventeranno concrete soltanto con i decreti attuativi. Viene introdotto il nuovo contratto a tutele crescenti per tutti i neoassunti che di fatto implica il superamento delle colaborazioni coordinate e continuative. Viene esclusa la possibilità di reintegro per i licenziamenti economici mentre è prevista per i licenziamenti discriminatori e per alcune fattispecie di licenziamenti disciplinari. Per i licenziamenti economici è previsto solo un indennizzo crescente al crescere dell’anzianità. Arrivano inoltre tempi certi per l’impugnazione del licenziamento.

Novità anche sugli ammortizzatori sociali e sui controlli a distanza. Viene azzerato, inoltre, il periodo di ‘vacazio legis’ con l’entrata in vigore del provvedimento il giorno dopo la pubblicazione in Gazzetta.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su