Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Auto: Csp, nel 2013 male il nuovo bene l’usato

colonna Sinistra
Giovedì 22 maggio 2014 - 10:34

Auto: Csp, nel 2013 male il nuovo bene l’usato

(ASCA) – Roma, 22 mag 2014 – Nel 2013 in Italia sono statevendute 192 auto usate per ogni 100 vendite di auto nuove. Ildato e’ stato fornito da Gian Primo Quagliano, presidente delCentro Studi Promotor, nel suo intervento di questa mattinaad Automotive Dealer Day in corso alla fiera di Verona.

”In anni normali (e non di crisi come quelli che stiamovivendo) per ogni 100 auto nuove vendute le vendite di usatosi aggirano intorno a 130. Il rapporto tra i due mercatiautomobilistici complementari del nuovo e dell’usato e’fortemente cresciuto a vantaggio dell’usato negli ultimi anniin quanto le gravi difficolta’ dell’economia hanno prodottouna caduta delle vendite di auto nuove che nel 2013 hatoccato il 47,7% rispetto ai livelli ante-crisi (2007). Ilmercato dell’usato invece, sempre rispetto al 2007, ha subitoun ridimensionamento molto piu’ contenuto in quanto il calodelle vendite e’ stato del 19,3%”, ha detto Quagliano.

Quest’ultimo calo e’ stato pero’ determinato in largamisura dal fatto che, il forte aumento della richiesta diauto usate per effetto della crisi (anche da parte ditradizionali acquirenti di auto nuove), non ha trovatocorrispondenza nell’offerta di auto usate in quanto si e’determinata una situazione di carenza di vetture di secondamano dovuto al forte calo dell’usato ritirato in permuta perla vendita del nuovo. Naturalmente in questa situazione le quotazioni delle autousate si sono mantenute sostenute con tendenza allacrescita.

Il recupero delle quotazioni, secondo una rilevazione delCentro Studi Promotor, ha riguardato anche le auto conconsumi piu’ contenuti come quelle, ad esempio, conalimentazione a metano. Secondo il 54% dei concessionariinterpellati dal Centro Studi Promotor oggi una vettura usataa metano vale di piu’ della corrispondente vettura usata abenzina o a gasolio, mentre per il 23% ha lo stesso valore eper il 23% vale di meno.

”Questi dati – ha commentato Quagliano – sonoparticolarmente interessanti perche’ fino a qualche anno faun modello alimentato a metano valeva decisamente meno delcorrispondente modello con alimentazione a benzina o agasolio”.

com/red/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su