Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ricerca: Giannini, basta con soluzioni tattiche. Passare a strategie

colonna Sinistra
Venerdì 9 maggio 2014 - 19:41

Ricerca: Giannini, basta con soluzioni tattiche. Passare a strategie

(ASCA) – Roma, 9 mag 2014 – In Italia, nel settore dellaricerca, ”si e’ deciso di non investire o si e’ smesso didecidere?”. La domanda, con relativa risposta, e’ stataformulata dal ministro dell’istruzione, universita’ ericerca, Stefania Giannini, a conclusione del convegno ”Lospazio vitale per l’Italia”, organizzato dalla rivistaaerospaziale Airpress a Roma. Allargando il dibattito a tuttoil settore della ricerca, il ministro ha detto che ”a voltela politica fa queste scelte di convenienza, smettendo didecidere”. ”Un fatto avvenuto, nel settore spaziale, inanni lontani, e poi accompagnato dal processo di sostituzionedelle strategie con le soluzioni tattiche”, ha aggiunto. Sesi vuole sostituire di nuovo la tattica con la strategiabisogna pero’ ”a livello interno procedere ad unaprogrammazione ‘possibile”’, definendo a livellointerministeriale ”cosa fare non nell’anno corrente ma per iprossimi 5 anni”.

Ancora, per Giannini e’ necessario ”procedere asemplicazione e razionalizzazione”, che nell’allegatospecifico alla riforma della P.A. si legge come”razionalizzazione ed aggregazione”. La visione delministro e’ pero’ che ”nella ricerca bisogna stare attenti anon confondere razionalizzazione con la necessita’ dirisparmiare sui costi”. ”Di 24 enti di ricerca – haaggiunto il ministro Giannini – bisogna farne uno unico,un’agenzia con la A maiuscola, o e’ meglio puntare sullamaggiore funzionalizzazione degli enti esistenti su progettistrategici?”. Infine c’e’ la questione ”degli uomini edonne che fanno la ricerca, anche di altri paesi, chedovremmo noi attrarre”, puntando ad offrire ”condizioni dilavoro e di ricerca competitive che diano l’opportunita’ diavere risultati, poi spendibili”. Un obiettivo ”dilegislatura”, che si puo’ raggiungere ”semplificando leregole, attivando processi di valutazione diversi, non exante ma ex post”. ”Si tratterebbe di un cambiamento epocalema il Miur ne parlera”’, ha concluso il ministro.

gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su