Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Eni: Scaroni, 2013 anno difficile ma consegniamo azienda piu’ forte

colonna Sinistra
Giovedì 8 maggio 2014 - 10:42

Eni: Scaroni, 2013 anno difficile ma consegniamo azienda piu’ forte

(ASCA) – Roma, 8 mag 2014 – Il 2013 per l’Eni e’ stato unanno ”difficile” ma nonostante questo il Cda uscenteconsegna agli azionisti una societa’ ”piu’ forte” e con undebito dimezzato.

Lo ha detto l’amministratore delegato Paolo Scaroni inapertura dell’assemblea degli azionisti chiamata, tral’altro, ad approvare il bilancio d’esercizio e a rinnovaregli organi sociali. ”Nel 2013 Eni ha affrontato un anno difficile in tutti isettori di business” ha detto leggendo una lettera agliazionisti ”Nell’Upstream la produzione di idrocarburi hasubito forti riduzioni in Libia e, in minor misura in Nigeriaed Algeria a causa di tensioni sociali, di conflitti internied altri fenomeni riconducibili a fattori di rischiogeopolitico.

Nel mid-downdtream la crisi economica e la competizione dialtre fonti energetiche hanno determinato un’ulteriore cadutadella domanda di gas e carburanti, in particolare in Italia.

Infine Saipem ha registrato un forte calo di profittabilita’nel 2013 per il peggioramento del valore di alcunecommesse”.

Nonostante questo quadro, ha aggiunto, ”Eni ha conseguitonel 2013 risultati operativi e finanziari solidi facendo levasulla forza del portafoglio e sui processi di turnaround incorso nei business mid-downstream” mentre in prospettiva lasocieta’ beneficera’ dei ”successi nell’esplorazione” dellarinegoziazione dell’85% dei contratti di fornitura cheporteranno ad un beneficio di 2 miliardi di euro l’anno trail 2014 e il 2016.

”In definitiva – ha proseguito Scaroni – a conclusionedel triennio, consegniamo ai nostri azionisti un’aziendasempre piu’ focalizzata nell’upstream, con eccellentiprospettive di redditivita’ e di generazione di cassa graziead un portafoglio di progetti e riserve tale da consentireanche opzioni di monetizzazione anticipata e con una chiarastrategia di ristrutturazione dei business mid edownstream”.

”Dal punto di vista patrimoniale – ha concluso – lasocieta’ e’ piu’ forte con debiti netti dimezzati rispetto atre anni fa”.

fgl/gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su