Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • G7 energia: Guidi, sicurezza energetica al centro del vertice

colonna Sinistra
Martedì 6 maggio 2014 - 17:23

G7 energia: Guidi, sicurezza energetica al centro del vertice

(ASCA) – Roma, 6 mag 2014 – Il riconoscimento che ”lasicurezza energetica non e’ un tema dei singoli stati ma unaresponsabilita” collettiva”, la ”condivisione delprincipio della necessita’ di ridurre la dipendenza nelleforniture” con lo sviluppo delle infrastrutture oltre,inevitabilmente, alle conseguenze della crisi ucraina. Ilministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, hasintetizzato cosi’ le conclusioni dei lavori del G7 energiadi Roma.

I lavori, avviati ieri sera, sono proseguiti stamane, allapresenza dei capi delegazione dei sette Paesi: il ministrofrancese dell’Ecologia, Sviluppo Sostenibile ed Energia,Segolene Royal; il ministro tedesco degli Affari Economici edEnergia, Sigmar Gabriel; il Segretario di Stato ingleseall’Energia e ai Cambiamenti Climatici, Edward Davey; ilSegretario di Stato degli Stati Uniti, Ernest J.Moniz; ilministro giapponese dell’Economia, Commercio e Industria,Toshimitsu Motegi; il ministro canadese delle RisorseNaturali, Greg Rickford. Ai lavori hanno partecipato anche ilCommissario Ue all’Energia, Guenter Oettinger e il Direttoreesecutivo dell’IEA, Maria van Hoeven. ”Al centro dell’agenda la sicurezza energetica collettivae gli interventi necessari a garantirla – ha sottolineatoFederica Guidi nella Conferenza stampa conclusiva -. La primaparte del dibattito ha analizzato quali strategie adottareper ridurre la dipendenza energetica e i rischi a essacollegati e ha visto l’accordo dei sette ministri sullanecessita’ di sostenere la diversificazione delle fontiprimarie e delle tecnologie di produzione e distribuzionedell’energia, l’impegno per l’efficienza energetica e per unuso piu’ diffuso delle fonti alternative agli idrocarburi(rinnovabili, nucleare, combustibili alternativi).

”Lo sviluppo e la modernizzazione delle infrastrutture  -ha proseguito il Ministro dello Sviluppo economico – e’ statoil tema della seconda parte dei lavori, che hanno evidenziatola necessita’ di reti dell’energia piu’ potenti e integrate,capaci di garantire approvvigionamenti anchenell’eventualita’ di choc energetici.

Il che vuol dire maggiori interconnessioni tra i Paesi,sviluppo di nuovi impianti per produrre, ricevere edistribuire il Gas Naturale Liquefatto, diffusione dellesmart grids e di efficienti sistemi di stoccaggio perl’energia elettrica e il gas”.

”Ultimo tema affrontato, sempre nell’ottica di assicurarela sicurezza energetica – ha concluso il ministro Guidi – e’stato come armonizzare le politiche e il quadro regolatorioin materia di mercati delle materie prime, meccanismi diformazione del prezzo dell’energia e della CO2, difesa dellaconcorrenza, libero accesso ai mercati e alle infrastrutture,e, infine, sistemi coerenti di incentivazione delle fontirinnovabili e dell’efficienza energetica”.

com-fgl/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su