Header Top
Logo
Sabato 22 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cambi: dati macro e livelli tecnici, buoni spunti (Analisi Fxcm)

colonna Sinistra
Mercoledì 27 novembre 2013 - 09:23

Cambi: dati macro e livelli tecnici, buoni spunti (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) – Roma, 27 nov – Investitori attenti ai dati difiducia americani, anche se i trend principali di breveperiodo rimangono invariati, con lo yen ed il dollaroaustraliano sotto pressione, l’euro e la sterlina checontinuano a mostrarsi sostenuti nei confronti del dollaro,l’oro che viene venduto su ogni rialzo ed il petrolioballerino all’interno della congestione giornaliera arettangolo che stiamo seguendo su un time frame giornaliero.

Fiducia dei consumatori USA.

Un buon market mover, in assenza d’altro. E con questa frase,dopo la breve introduzione appena letta, potremmo terminareil nostro commento macroeconomico di oggi. Gia’, infatti gliinvestitori sembrano essere ben indirizzati dal punto divista di un trading piu’ di medio periodo, per come lointendiamo noi e sembrano altrettanto attenti allapubblicazione dei singoli dati per cercare delle opportunita’di posizionamento intraday. L’esempio lampante e’ arrivatoieri di fronte alla fiducia dei consumatori americani, la cuipubblicazione ha stupito in negativo, con un livello pari a70.4, valore che non si vedeva da gennaio 2012 e che haprodotto vendite di dollaro americano abbastanza importanti,se considerata l’ottica speculativa di breve periodo. Seosserviamo le candele delle 16 sui principali graficiinfatti, abbiamo dei movimenti unidirezionali del bigliettoverde, che poi ha continuato a scendere nei confrontidell’euro e del pound, mentre e’ andato a frenare la suadiscesa contro yen e australiano, a testimonianza di quantoevidenziato poc’anzi.

Oggi attenzione a nuovi dati, sul fronte inglese edamericano. Partiremo alle ore 10.30 con il Pil inglese,solitamente non un grosso market mover ma da nonsottovalutare visto il bias che sta muovendo i mercati inquesta settimana post banche centrali. Le attese risultanopari ai dati precedenti, per cui qualsiasi scostamento inpositivo o in negativo dai valori previsti (+1.5% sull’anno e+0.8% sul mese) potrebbe rispettivamente portare a salite odiscese della sterlina nei confronti del dollaro americano.

Proseguiremo poi con alcuni dati da catalogare, all’internodegli scenari analizzati ed ipotizzati a livello di reazionidi breve periodo, come mediamente importanti e che quindimeritano la nostra attenzione, questa volta sul fronteamericano. Ci riferiamo agli ordii dei beni durevoli, inrelease alle ore 14.30, attesi a -1.9% contro un precedente+3.7% insieme alle richieste di sussidi di disoccupazione,che in caso di superamento di quota 330.000 (contro ilprecedente 323.000) potrebbero paradossalmente contrastareeventuali brutte notizie provenienti dall’industria,soprattutto sul fronte borsistico (a causa delle implicazionisul tapering e quindi sulla liquidita’ che verra’ lasciatanel mercato – visto che la disoccupazione non tende amigliorare – sul valutario in caso di brutte notizie suentrambi i lati ci aspettiamo potenziali discese deldollaro). Alle ore 15.45 verra’ rilasciato il PMI di Chicago(60 vs 65.9) e 10 minuti dopo l’indice di fidciadell’Universita’ del Michigan (73 vs 72). Ci aspetta dunqueun pomeriggio intenso che potrebbe rivelarsi dal punto divista dei flussi speculativi di beve della stessa naturarispetto a quello vissuto ieri. Vediamo insieme quali possonoessere i livelli di attenzione ai quali affidarci per lagiornata di oggi.

Quadro tecnico.

EurUsd: i supporti visti ieri, sui quali andare ad ipotizzareacquisti di moneta unica hanno tenuto bene ed hanno portato iprezzi ad approfondire oltre 1.3540, altro livello oltre ilquale valutare acquisti, salvo poi correggere senza pero’tornare sotto i primi punti di ingresso, per poi ripartire esuperare addirittura i massimi toccati al mattino per presedi ordini di stop (che sono stati colpiti anche sul cable).

Siamo ora sopra la media a 21 oraria, che insieme all’areache passa tra 1.3570 e 1.3550 potrebbe fornire buoni spuntirialzisti, tenendo conto che in caso di superamentoribassista dei primi supporti valutati ieri potrebbeconfermare una divergenza ribassista a 4 ore che potrebbeportare a buone correzioni ribassiste, con primi target postiintorno a 1.3485. Fino a quando ci manterremo sopra isupporti pero’, e’ possibile considerare la possibilita’ diraggiungimento dell’area compresa tra 1.3600 e 1.36 1/4.

UsdJpy: l’area di 101.35 (supporto statico e dinamico sulquale passava anche la parte bassa di una bandiera dipotenziale continuazione individuabile su un grafico orario)ha tenuto egregiamente fino alle prime ore del pomeriggio diieri, offrendo ottimi spunti rialzisti che hanno portato allarottura a rialzo della figura di continuazione individuata,salvo poi girare a ribasso sulla consumer confidencepubblicata alle 16. Il mercato non e’ tuttavia tornato sottoarea 101.10, che consideravamo operativamente per girare ilposizionamento a ribasso ed e’ tornato nuovamente sui livellipre-inversione del dollaro, che ora rappresentano un buonlivello di resistenza che insieme a 101.70 potrebbe forniredei buoni spunti ribassisti di breve, per il buon R/Rofferto, tenendo conto che una ripartenza oltre 101.80potrebbe portare al test di quello che da due giorni stiamoconsiderando come un potenziale livello sul quale valutareeventuali aumenti di volatilita’ (se si osservau n grafico a4 ore si comprende come l’impostazione di fondo sia long, conla media a 21 che supporta i prezzi sopra una bellissimatrendline rialzista tracciata dal 7 novembre e con lostocastico che sta girando a rialzo sui punti di supportorappresentati anche da un livello 2, parte bassa del canalerialzista all’interno del quale ci stiamo muovendo e che e’esattamente la trendline appena citata). Parliamo dell’areadi 101.95 come scoglio da superare per assistere a tentatividi sforamento rialzista di 102.00, con 102.15 a fare dascoglio prima del raggiungimento della potenziale areapassante tra 102.40 e 102.50.

EurJpy: ottimo il quadro tecnico visto sull’EurJpy, con iprezzi che non sono scesi sotto 137.00, sopra il qualeabbiamo ipotizzato acquisti di moneta unica, per assistere alraggiungimento dei massimi, scenario possibile anche in casodi ripartenza diretta oltre il punto rappresentato da 1373/4. Siamo ora in una condizione di potenziale doppio massimoda poter sfruttare sul breve termine (orario) come livellosul quali ipotizzare acquisti di yen per il buon R/R offerto,dato che un superamento di 138.25 potrebbe portare verso ipunti di target, spalmabili a step su 138.40, 75 e 139 figura(prendete un settimanale per vedere bene questi puntiprecedenti. 137.60 e 137.20 i potenziali target, sui quali ilmovimento potrebbe infrangersi (137.00 su un 4 orerappresenta un buon livello di supporto statico e dinamico.

GbpUsd: cable che non forinva indicazioni tecnicheimportanti durante la mattinata di ieri, se vi ricordate. Losforamento a rialzo di 1.6180 sulla presa di stop partita inmattinata non ha portato ad estensioni rialziste ed ilmercato, dopo aver ripiegato fino a 1.6140 (senza dunquesforare gli eventuali livelli trigger per ribassi di 30 puntiipotizzati in maniera molto prudente, se capite cosaintendiamo) e’ ripartito, questa volta per romperedefinitivamente l’area di 1.6180 e portarsi sui massimi.

Siamo ora sopra la media a 21 oraria che insieme a 1.6190potrebbe rappresentare una buona area di supporto sulla qualevalutare eventualmente ripartenze che se dovessero superarearea 1.6245 potrebbero portare ad accelerazioni verso 1.6260,ultimo livello prima di tentare salite verso 1.6330. Tuttal’area che passa tra 1.6260 e 1.6330 sara’ molto ostica acausa della difficile individuazione di livelli che possonoattirare nuvole di ordini, per cui attenzione a posizionarestop in pari nel momento in cui il mercato dovesse tentarerotture rialziste. Questa view e’ giustificatadall’osservazione di un time frame giornaliero che offreancora, in caso di chiusura daily sotto i massimi, ottimepossibilita’ di vendita (ne abbiamo discusso qualche giornofa).

AudUsd: ottime le vendite ipotizzate sul dollaro australianosui punti di resistenza, con il raggiungimento ed ilsuperamento dei target ipotizzati. Siamo ora all’interno diuna fase che possiamo considerare come correttiva chepotrebbe riportare le quotazioni vicino alle aree che possonoessere considerate come resistenze e che cominciano a passareda 0.9160. Un ritorno sopra 0.9175 diviene necessario perassistere a tentativi di risalita, che non vediamo comunqueoltre 0.9215 e che considereremo importanti soltanto in casodi superamento di area 0.9230, che potrebbe portare adestensioni che non dovrebbero comunque superare l’areacompresa tra 0.9250 e 0.92 3/4, all’interno della qualeeventualmente impostare nuove vendite.

Ger30 (Dax): dax che e’ rimasto in fase laterale per tuttala giornata di ieri, con i prezzi che questa mattina sitrovano vicini ai massimi. Il quadro tecnico ipotizzabile e’uguale a quello visto ieri, che riportiamo per semplicita’integralmente: ”ora sembrerebbe il caso di liquidare partedi eventuali posizioni long sui massimi e di rimanere constop in pari per vedere se il mercato andra’ a compiere nuovimassimi, sui quali liquidare tutto (dopo piu’ di 4 candele a5 minuti rosse). Qui o in caso di non superamento dei massimidi ieri, sara’ possibile valutare vendite per l’ottimo R/Rofferto con primi target sui livelli di 9,270 ed inestensione (in caso di discesa sotto 9,265) 9,245.

XauUsd (Oro): sul pull back dei livelli di resistenzevisti ieri per l’oro in area 1,260.00, sui qualieventualmente valutare i nostri livelli di analisi perpensare a delle vendite, il mercato e’ sceso in manierabuona, confermando la validita’ della trendline discendenteultima che si puo’ tracciare. Siamo ora sotto le medie rarieche hanno incorociato a ribasso e che forniscono, insieme conil livello statico di 1,250.00, delle buone resistenze sullequali pensare a vendite di metallo giallo tenendo conto cheun superamento a rialzo di area 1,253.75 potrebbe riproporrei massimi. Su un daily continuiamo a seguire a possibilita’che in serata (di oggi) si possa confermare una divergenzarialzista.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, oaltre informazioni contenute in questo documento sono fornitecome commento generale del mercato e non costituiscono unconsiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita’per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione,qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare,direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su taliinformazioni. Il contenuto di questo documento e’ soggetto amodifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e’previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prenderedecisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia haadottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezzadelle informazioni contenute nel documento, tuttavia, nongarantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilita’per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente oindirettamente dal contenuto o la vostra incapacita’ diaccedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimentodella trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni oavvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documentonon e’ destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da partedi qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui taledistribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o allaregolamentazione).

red/gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su