Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • PA: Cgia, debito verso imprese supera di 30 mln stima Bankitalia

colonna Sinistra
Sabato 23 novembre 2013 - 11:41

PA: Cgia, debito verso imprese supera di 30 mln stima Bankitalia

(ASCA) – Roma, 23 nov – ”Pur essendo passati piu’ di duemesi dalla scadenza prevista dalla legge, apprendiamo da unainterrogazione parlamentare tenutasi l’altro ieri che solo13.500 Amministrazioni pubbliche italiane, pari a poco piu’del 61 per cento del totale, hanno comunicato al ministrodell’Economia e delle Finanze l’ammontare del debitocontratto con le imprese italiane al 31 dicembre 2012. Aseguito delle segnalazioni pervenute, la somma complessivadei debiti e’ pari 3,1 miliardi di euro. Una cifra irrisoriae lontana anni luce dai 91 miliardi indicati dalla Bancad’Italia o dai 120 miliardi stimati dalla Cgia”.

Lo scrive in una nota il segretario della Cgia, GiuseppeBortolussi, sottolineando che ”se e’ inqualificabile che8.500 Amministrazioni, pari a poco meno del 39 per cento deltotale, non abbiano ancora segnalato l’ammontare dei propridebiti, e’ quantomeno singolare che dalle realta’ che hannotrasmesso i dati emerga un importo complessivo di soli 3,1miliardi di euro”. Cgia calcola che con 13,82 miliardi di euro erogati al 28ottobre 2013 lo Stato ha utilizzato il 50,8% delle risorsestanziate per l’anno in corso al pagamento delle imprese. ”Riconosciamo sia al governo Monti sia all’esecutivoguidato da Letta – osserva Bortolussi – di aver capito che losblocco dei pagamenti da parte della Pubblica amministrazionecostituisce una priorita’ per rimettere in moto l’economiadel paese”.

Ciononostante, per la Cgia ”e’ verosimile che i debitidella Pubblica amministrazione italiana nei confronti delleimprese ammontino a circa 120 miliardi di euro”.

Una cifra superiore di circa 30 miliardi di euro rispettoalla calcolo di 91 miliardi di Banca d’Italia.

”Sia chiaro – sottolineano dalla Cgia – non e’ indiscussione il rigore scientifico dell’indagine realizzatadalla Banca d’Italia. Chi dovrebbe preoccuparsi adimensionare il debito dovrebbe essere lo Stato che,purtroppo, non e’ ancora nelle condizioni di farlo a causadella reticenza di una buona parte delle sue articolazionisia centrali sia periferiche”.

com-stt/gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su