Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Natale: Confcommercio, per 7 italiani su 10 sara’ ancora festa in crisi

colonna Sinistra
Sabato 23 novembre 2013 - 14:09

Natale: Confcommercio, per 7 italiani su 10 sara’ ancora festa in crisi

(ASCA) – Roma, 23 nov – Sara’ un Natale di crisi e moltoprobabilmente non sara’ nemmeno l’ultimo. Lo sostengono 7italiani su 10, anche perche’ il 47% si sente piu’ poverodello scorso anno e 2 su3 si attendono che la crisi durera’almeno altri 2 anni. In tale quadro, pertanto, aumenta al14,2%, rispetto al 13,7% dello scorso anno, la quota dicoloro che quest’anno non fara’ acquisti per Natale.

Lo attesta – riferisce una nota – un’indagine diConfcommercio in collaborazione con Format Ricerche sulsentiment degli italiani a un mese dalle festivita’natalizie.

In un anno sono passati dal 66,4% al 69,3% gli italianiche ritengono che il prossimo Natale sara’ certamente vissutoin maniera ”molto dimessa”. Per il 68,6% degli intervistati”certamente” quello del 2013 non sara’ l’ultimo Natale dicrisi, solo meno del 5% e’ dell’idea che la crisi in attoterminera’ entro pochi mesi e poco meno del 15% ritiene chesi protrarra’ un altro anno ancora.

Ciononostante, la quasi totalita’ delle famiglie (l’85,8%)resta comunque intenzionata ad effettuare i regali (eranol’86,3% l’anno scorso). L’area di difficolta’ cresce presso iconsumatori piu’ giovani, ossia presso coloro che hanno menodi 34 anni, presso i consumatori che risiedono nelle grandiaree metropolitane e nelle regioni del Nord-Est ”oggi alleprese con una crisi che da economica si sta velocementetrasformando in crisi sociale”, osserva Confcommercio.

La percentuale dei consumatori che considera gli acquistinatalizi una ”spesa necessaria e piacevole” resta insostanza invariata rispetto al 2012, anzi e’ ancheleggermente in aumento, essendo pari al 51,7% (2013) controil precedente 49,0% che venne rilevato da Confcommercio nel2012. A pensarla diversamente continua ad essere poco meno diun italiano ogni due, cosi’ come del resto era stato rilevatolo scorso anno e negli anni precedenti: il 30% circa deiconsumatori ritiene gli acquisti per i regali di Natale unaspesa ”necessaria”, ma della quale farebbe volentieri ameno; il 17% circa ritiene gli acquisti per i regali diNatale una spesa del tutto inutile ma che comunque e’costretto ad affrontare, ovvero: se gli fosse possibileprobabilmente costoro non farebbero gli acquisti per i regalidi Natale indipendentemente dal fatto che ci sia la crisi omeno.

Se il 47,4% degli italiani si ritiene ”piu’ povero”rispetto a prima, il 34,6% ritiene che nel 2013 la situazioneeconomica della propria famiglia e’ diventata ”un po’ menobuona” rispetto alla condizione del 2012, mentre il 9,8%ritiene che la condizione economica della propria famigliaoggi e’ diventata ”assai meno buona” rispetto a quella deidodici mesi precedenti. Guardando al futuro, soltanto il 4% degli italiani ritieneche la condizione economica della propria famigliamigliorera’ entro i prossimi 12 mesi. Per circa il 20%,infine, la condizione economica della propria famigliapeggiorera’ ancora nel corso del 2014 mentre secondo il 72,4%la propria condizione economica restera’ pressoche’ la stessadel 2013.

com-stt/gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su