Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Vendite al dettaglio: Confesercenti, per piccoli negozi passivo triplo

colonna Sinistra
Venerdì 22 novembre 2013 - 12:35

Vendite al dettaglio: Confesercenti, per piccoli negozi passivo triplo

(ASCA) – Roma, 21 nov – ”L’andamento negativo delle venditea settembre, segnalato dall’Istat, e’ un dato atteso maallarmante: la crisi dei consumi prosegue, segno distintivodi una recessione che ha bruciato ricchezza e lavoro eportato all’impoverimento di (quasi) tutti gli italiani. Unasituazione che colpisce soprattutto le PMI del commercio”.

E’ quanto sottolinea la Confesercenti il cui Ufficioeconomico calcola che da gennaio 2012 a settembre 2013 lepiccole superfici hanno subito un calo di vendite del 6,3%,esattamente il triplo della diminuzione registrata dallegrandi (-2,1%). Secondo la Confederazione ”la progressiva riduzione diquote di mercato dei piccoli e’ dovuta certamente alla crisidei consumi, ma anche alla totale deregulation di orari egiorni di apertura degli esercizi commerciali introdotta conil decreto ”Salva-Italia” dal governo Monti proprio nel2012. Un intervento che non ha rilanciato ne’ l’occupazionene’ – come e’ sempre piu’ evidente – i consumi. Sempreconsiderando il periodo gennaio 2012-settembre 2013, infatti,le vendite complessive sono calate del 4,5%”.

”Il proseguimento della crisi dei consumi – prosegueConfesercenti – rischia di gelare anche le vendite di Natale:e’ urgente una terapia ”fiscale’, con un alleggerimento delpeso dell’Erario sulle tredicesime ed un freno alla continuacrescita delle imposte e delle tariffe locali. Per ilcommercio tradizionale, inoltre, sarebbe esiziale unulteriore e sciagurato aumento dei costi, che potrebbeprovenire sia dal ventilato aumento delle accise, cheincrementerebbe gli oneri sostenuti da tutta la filiera, siadall’emendamento alla legge di stabilita’ che vorrebbeintrodurre la liberalizzazione delle locazioni immobiliaridal canone annuo superiore ai 40mila euro. Una nuova, nonnecessaria deregulation che rischia di provocare altrechiusure di attivita’ commerciali, cosi’ come la ventilataipotesi di un ulteriore aumento degli acconti fiscali sulleimprese”.

com-fgl/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su