Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Bankitalia: Toscana, si attenua recessione. In calo prestiti

colonna Sinistra
Giovedì 21 novembre 2013 - 12:01

Bankitalia: Toscana, si attenua recessione. In calo prestiti

(ASCA) – Roma, 21 nov – Si attenua la fase recessiva inToscana, dove i segnali mostrano un lieve miglioramento ma iprestiti diminuiscono e la qualita’ del credito peggiora.

”Nel primo semestre dell’anno e’ proseguita la faserecessiva avviatasi dalla meta’ del 2011. Gli indicatoridisponibili mostrano tuttavia un’attenuazione della dinamicanegativa dal secondo trimestre; le previsioni per i prossimimesi risulterebbero piu’ favorevoli”. E’ il quadro disegnatodall’Aggiornamento Congiunturale all’Economia della Toscanadella Banca d’Italia, diffo oggi.

Nell’industria – si legge – l’attivita’ si e’ contratta neiprimi sei mesi, soprattutto per la persistente debolezzadella domanda interna. Le esportazioni hanno fornito uncontributo positivo nei settori di specializzazione regionalequali la moda e la meccanica. E’ proseguita la grave faserecessiva nell’edilizia, sia nel comparto residenziale sia inquello delle opere pubbliche. Nei servizi si sono contrattile vendite al dettaglio, i flussi turistici degli italiani ei movimenti di merci negli scali toscani.

Il numero degli occupati e’ sceso, soprattutto nel primotrimestre, nonostante il ricorso agli ammortizzatori socialisia stato ancora elevato. Al perdurante calo dell’occupazionenell’industria si e’ aggiunta la contrazione nel comparto deiservizi. Le persone in cerca di occupazione sono aumentate,determinando un innalzamento del tasso di disoccupazione.

I prestiti alle imprese e alle famiglie sono diminuiti,risentendo della debolezza della domanda e delle tensioni dallato dell’offerta connesse con l’elevato rischio di credito.

La contrazione e’ stata piu’ intensa nel settore produttivo,in particolare per le imprese manifatturiere. Il protrarsidella fase recessiva continua a incidere negativamente sullaqualita’ del credito, che e’ ulteriormente peggiorata neiprimi sei mesi del 2013, soprattutto nell’industria. E’proseguita a ritmi contenuti la crescita sia della raccoltabancaria sia dei titoli in deposito.

com-ram

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su