Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cnh Industrial: parte dall’Europa la sfida del nuovo Eurocargo Iveco

colonna Sinistra
Mercoledì 13 novembre 2013 - 10:49

Cnh Industrial: parte dall’Europa la sfida del nuovo Eurocargo Iveco

(ASCA) – Torino, 13 nov – Asia, e Cina in particolare, eAmerica Latina continuano a dare soddisfazioni all’Iveco,mentre non ci sono piani di espansione negli Stati Uniti.

”No, negli Stati Uniti non ci siamo, puntiamo ad altripaesi”, ha sottolineato il brand president Lorenzo Sistinonel corso della presentazione, ieri sera a Torino, diEurocargo VI, ultimo nato della societa’ del gruppo CnhIndustrial. Nei primi nove mesi dell’anno le vendite inAmerica Latina della casa torinese sono cresciute del 3%,quelle in Asia, con il contributo determinante della Cina,del 15%. Sara’ invece inaugurato a meta’ 2014 il nuovostabilimento sudafricano dell’Iveco a Rosslyn (Pretoria).

Frutto della joint venture con Larimar avra’ una capacita’produttiva annuale di 7.000 veicoli commerciali e 1.000autobus per una forza lavoro totale di circa 1.000dipendenti. ”Apriremo un nuovo stabilimento a Pretoria – haribadito Sistino – e alla fine del 2014 il nuovo Eurocargosara’ assemblato anche in Africa”. Stabile invece lasituazione in Europa: 466 mila le immatricolazioni nei priminove mesi ”e con la crisi si e’ ridotto il peso dei paesidove tradizionalmente siamo piu’ forti, cioe’ Italia e Spagna(dove comunque la societa’ ha registrato una crescita dellaquota rispettivamente dell’1,3 e dell’1%, NdR). In questocontesto per noi e’ importante aver mantenuto la nostra quotaeuropea all’11,1 per cento, lo stesso livello del 2012”, hadetto Sistino. E proprio dall’Europa parte la sfida del nuovoEurocargo, frutto di un investimento da 80 milioni di euro inlinea con la nomativa europea che mette al bando gli euro 5 apartire dal 2014. ”Un veicolo su 4 in Europa e’ un Eurocargoe in Italia si arriva addirittura a 3 su 4”, ha ricordatoSistino, parlando della versatilita’ del mezzo che vieneprodotto in 11 versioni disponibili ed e’ molto apprezzatoanche dalle municipalita’ e impiegato per i mezzi disoccorso. ”Da Torino invaderemo l’Europa con un veicolocommerciale che gode gia’ di un rilievo eccezionale in moltipaesi del mondo, dall’Asia all’America Latina”, ha aggiuntoFranco Fusignani, Chief Operating Officer di Iveco.

Il nuovo camion e’ in partenza per una tourne’ nel vecchiocontinente: dalla Porta di Brandeburgo a Berlino, alla Housesof Parliament di Londra, a Place Vandome a Parigi fino aPlaza de Cibeles a Madrid.

Progettato e costruito in Italia, nello stabilimento diBrescia, ristrutturato con 20 milioni di investimento, sitratta di un veicolo ”ben al di la’ degli obblighi dilegge” ha spiegato Federico Gaiazzi, general manager Iveco,riferendosi all’esclusiva tecnologia HI-escr, brevettata daFpt Industrial, per il trattamento gas di scarico, che riducele emissioni di ossidi di azoto di oltre il 95 per cento eaumenta l’efficienza del motore consentendo di risparmiare il2,33% sui consumi, in media 1.500 euro all’anno dicarburante. eg/sam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su