Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Pensioni: Istat, nel 2011 spesa pari a 265.976 mln. +2,9% su anno

colonna Sinistra
Martedì 12 novembre 2013 - 11:07

Pensioni: Istat, nel 2011 spesa pari a 265.976 mln. +2,9% su anno

(ASCA) – Roma, 12 nov – Nel 2011 la spesa per prestazionipensionistiche e’ stata di 265.976 milioni di euro. A livelloregionale l’incidenza sul Pil ha raggiunto il valore massimoin Liguria (21,25%) e il minimo (11,47%) nella provinciaautonoma di Bolzano.

Lo rende noto l’Istat, spiegando che la spesapensionistica procapite ha raggiunto il valore massimo, paria 6.006 euro, in Liguria, mentre il valore minimo, pari a3.211 euro, si registra in Campania (anche a causa delladiversa struttura per eta’ della popolazione). La quota dispesa piu’ elevata (30,1%) e’ stata erogata nel Nord-ovest,mentre valori prossimi al 20% si sono registrati nel Sud(18,6%), nel Centro (21,4%) e nel Nord-est (20,3%).

Il 9,1% e’ stato corrisposto ai pensionati delle Isole e ilrimanente 0,6% a quelli residenti all’estero. Rispetto al 2010 la spesa pensionistica totale e’aumentata del 2,9%. L’incremento e’ stato piu’ elevato nelleIsole (3,7%) mentre in sensibile controtendenza e’ il datoper l’Estero (-4%).

I pensionati del Lazio percepiscono il redditopensionistico mediamente piu’ elevato (18.885 euro),superiore del 40% a quello dei pensionati della Basilicata(13.486 euro), il piu’ basso tra le regioni italiane. Oltrela meta’ dei pensionati delle Isole (52,7%) percepisce unreddito pensionistico mensile inferiore ai 1.000 euro; mentreil 20,4% dei pensionati del Nord-ovest beneficiano dipensioni con importi superiori ai 2.000 euro.

Tale evidenza e’ associata anche alla diversa incidenza delletipologie pensionistiche sul territorio.

Nel Nord-ovest, infatti, le pensioni di vecchiaiaassorbono il 59,8% della spesa totale, mentre quelleassistenziali solo il 12,9%. Una situazione inversa si rilevanelle Isole, dove l’incidenza sulla spesa e’ del 27,4% per lepensioni assistenziali e del 39,6% per quelle di vecchiaia.

In Calabria si rileva il valore piu’ elevato del rapporto trapensionati e occupati: 88,1 pensionati ogni 100 occupati.

Il valore piu’ basso si osserva in Trentino Alto Adige, con57,1 pensionati ogni 100 occupati. Nelle regioni delNord-ovest l’incidenza delle pensioni destinate a exlavoratori del comparto pubblico e’ del 9,5%; valori piu’elevati si osservano nelle altre ripartizioni con il massimo(14,7%) nelle Isole.

red-drc/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su