Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Alitalia: Anpac, Anpav e Avia, piano ‘stand alone’ solo di tagli lineari

colonna Sinistra
Giovedì 7 novembre 2013 - 17:32

Alitalia: Anpac, Anpav e Avia, piano ‘stand alone’ solo di tagli lineari

(ASCA) – Roma, 7 nov – Come si salva Alitalia ”se il pianodi salvataggio e’ fatto dagli stessi soggetti che l’hannoportata al fallimento?”. E’ quanto si chiedono in un duro comunicato congiunto ipresidenti di Anpac, Giovanni Galiotto, Anpav, MassimoMuccioli, ed Avia, Antonio Divietri.

I rappresentanti del personale di volo evidenziano come”emergono i primi segnali della inadeguatezza delmanagement”, in un percorso di ”tagli lineari, suoccupazione e salari, acritici, equilibrati ed utili comeamputazioni che non distinguano le parti sane da quelleinfette”. ”Con l’intento di ridurre costi per 100 milioni egalleggiare 10 mesi, si vogliono licenziare oltre 2.000dipendenti ed abbassare del 20% tutti i salari, con effettidomino moltiplicati per aeroporti ed indotto – prosegue lanota congiunta -. Il Governo aveva chiesto discontinuita’nella governance ed un partner internazionale credibile, oggiabbiamo l’esatto contrario: la vecchia dirigenza che preparaun piano ‘stand alone”’ .

Non basta, ”perche’ contestualmente Alitalia rifiutaanche la richiesta di Air France di una due diligence legalefinanziaria e contabile, sull’elaborazione di una strutturadel capitale e del debito sostenibile, comprensibile mapreoccupante”. Per Anpac, Anpav ed Avia ”lo Stato avevaconsegnato a questi signori una azienda sana, pagata con ilsacrificio di migliaia di lavoratori espulsi; per anni hagoduto di condizioni inimmaginabili ed e’ riuscita a perderepiu’ denaro della vecchia Alitalia con la meta’ del personalee degli aerei”. ”Gioverebbe una inchiesta che portasse allaluce quegli enti o persone fisiche che hanno tratto vantaggioin questa vicenda. Noi conosciamo chi ha perso: cittadini elavoratori”, aggiungono Galiotto, Muccioli e Divietri.

Alla luce di quanto avvenuto le associazioni chesottoscrivono il documento si chiedono se ” non sia il casodi dare completa applicazione a quanto previsto dall’articolo43 della Costituzione: ai fini di utilita’ generale la leggepuo’ riservare originariamente o trasferire, medianteespropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad entipubblici o a comunita’ di lavoratori o di utenti determinateimprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizipubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni dimonopolio ed abbiano carattere di preminente interessegenerale”. red-gbt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su