Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Porti: sindacati, 8 novembre sciopero di 24 ore per rinnovo contratto

colonna Sinistra
Mercoledì 6 novembre 2013 - 12:11

Porti: sindacati, 8 novembre sciopero di 24 ore per rinnovo contratto

(ASCA) – Roma 6 nov – ”Confermato venerdi’ 8 novembre losciopero nazionale di 24 ore tutti i lavoratori dei porti”.

Lo riferiscono le segreterie nazionali di Filt-Cgil, Fit-Cisle Uiltrasporti, sottolineando che ”le motivazioni risiedonoprincipalmente nella fase di stallo in cui il negoziato peril rinnovo del contratto nazionale si e’ venuto a trovare conle posizioni dalle nostre controparti, a oltre dieci mesidall’inizio della trattativa, che rimangono distanti”. ”Ci rifiutiamo – spiegano unitariamente le treorganizzazioni sindacali – di ‘contrattualizzare’ elementiche possano snaturare l’impianto originario che, da tutta lacomunita’ portuale nazionale, e’ stato fino ad oggiconsiderato un fattore importante per il rilanciodell’economia portuale fin dal 2000 e che dovra’ esserloanche per il futuro. Con lo sciopero – spiegano inoltre Filt,Fit e Uilt – diciamo no anche al tentativo di smembramentodell’impianto regolatorio della legge sui porti 84/94 cheprodurrebbe effetti devastanti sull’organizzazione del lavoroe sul mercato delle imprese a spese dei lavoratori dei porti.

Serve, invece, il consolidamento – chiedono i sindacati – delmodello di organizzazione del lavoro che vede la propriacentralita’ nelle imprese autorizzate ai sensi dell’articolo18 della legge 84 e nell’articolo 17, l’ unico soggetto alquale i terminalisti possono fare ricorso per lo svolgimentodi lavoro portuale temporaneo ed inoltre serve la definitivasoluzione al problema legato alla irragionevole estensione aidipendenti delle Autorita’ Portuali di norme riferite aidipendenti pubblici”. ”Su questi temi – sottolineano infine Filt, Fit e Uilt -abbiamo impegnato il Governo ed il Parlamento presentandospecifici emendamenti, chiedendo risposte concrete, efficacie condivise per uscire dalla crisi economica il piu’rapidamente possibile e per i porti, in quanto fattoremoltiplicatore per l’economia e l’occupazione del Paese”.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su