Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Libia: Federpetroli, non possiamo continuare a stare sotto ricatto

colonna Sinistra
Mercoledì 6 novembre 2013 - 13:17

Libia: Federpetroli, non possiamo continuare a stare sotto ricatto

(ASCA) – Roma, 6 nov – ”Bisognava intervenire gia’ nel 2011ai primi segnali della crisi libica, invece l’incoscienza hafatto si che si arrivasse a quello che era gia’ statopreventivato: blocco delle forniture petrolifere (petrolio egas) dalla Libia per attacco ai Terminal di principaleimportanza per l’Italia”. Lo afferma in una nota ilpresidente della FederPetroli Italia, Michele Marsiglia, aseguito delle ultime notizie riguardo la situazioneenergetica Italia-Libia.

”L’unica ricetta da seguire nell’immediato – suggerisce -e’ il dialogo con l’Opec, la Libia e’ un Membro fondamentaledell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio. Sololoro possono indicarci una precisa via per alleviare ilmale.

Adesso e’ giunto il momento che chi sa, si assuma le proprieresponsabilita’. Non possiamo mettere a rischio piu’ lefamiglie italiane e l’indotto industriale del nostro Paeseperche’ sotto ricatto di alcuni paesi del Medio Oriente”. FederPetroli suggerisce di ”aprire i nostri rubinetti ediniziare a produrre i nostri idrocarburi, le Licenze eConcessioni sono gia’ rilasciate, bisogna solo iniziare aprodurre. Che il Ministero dello Sviluppo Economico organizziun Tavolo Energetico mirato. La produzione a terra ed in mare(onshore ed offshore) in Italia e’ la cura del nostro male,sfruttiamo le nostre ingenti risorse energetiche”.

com-drc/cam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su