Header Top
Logo
Giovedì 29 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • P.A.: Tajani, inversione di tendenza in ritardi pagamenti debiti

colonna Sinistra
Martedì 29 ottobre 2013 - 15:18

P.A.: Tajani, inversione di tendenza in ritardi pagamenti debiti

(ASCA) – Bruxelles, 29 ott – In Italia si assiste a deimiglioramenti per quanto riguarda il pagamento dei debitidelle Pubbliche amministrazioni alle imprese, ma occorrecontinuare a rendere piu’ efficiente il sistema paese. Loafferma il commissario europeo per l’Industria, AntonioTajani, a margine della conferenza di alto livello supubbliche amministrazioni piu’ efficienti e piu’ trasparentiorganizzata a Bruxelles dalla Commissione europea. ”C’e’ un’inversione di tendenza, ma bisogna fare dipiu”’, dice a proposito dei tempi di pagamento. La mediaitaliana era di circa 180 giorni (e in alcuni casi anche conpicchi di 700 giorni), ma ora ”c’e’ un cambiamento”positivo. Cifre non se ne hanno, ma il miglioramento c’e’. Tajani ricorda di aver nominato i presidenti diConfartigianato e Ance, Giorgio Merletti e Paolo Buzzetticonsiglieri per l’attuazione della direttiva sui pagamenti, e”loro mi hanno comunicato che c’e’ stata questa inversionedi tendenza”, ma senza fornire cifre. Quel che e’ certo e’che per ora Bruxelles non pensa di aprire procedure diinfrazione a carico del nostro paese.

”E’ vero che se non si rispettano le direttivecomunitarie si avviano le procedure d’infrazione, ma e’qualcosa che io non amo. Per questo – spiega – dico sempreche le cose non vanno cosi’ da spingere a fare le cose”. In questo momento l’Italia deve chiarire quanto ancorac’e’ da chiarire.

Innanzitutto, lamenta Tajani, ”a quanto ammonta il totaledel debito pregresso, che non si sa quant’e”’. Poi, perquanto riguarda la normativa vigente, va chiarito meglio iltermine di pagamento a 30 e a 60 giorni: l’Ue prevede inalcuni casi di pagare il debito accumulato con le imprese indue mesi anziche’ uno, ma a quanto pare in Italia non sonoben definiti i casi in cui puo’ avvenire il pagamento a 60giorni.

”I chiarimenti – precisa Tajani – non riguardano solol’Italia. In molti paesi, Italia compresa, abbiamo avviatodei controlli pilota”. Il 3 ottobre la Commissione Ue ha ricevuto le rispostedegli stati membri interessati, e Bruxelles si prende 10settimane di tempo per rispondere.

bne

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su