Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 29 ottobre 2013 - 09:10

Cambi: in attesa del FOMC (Analisi Fxcm)

(ASCA-FXCM) – Roma, 29 ott – Le peggiori vendite di caseesistenti da tre anni a questa parte (-5.6% vs 0.0% atteso edun precedente -1.6%, per il mese di settembre) in America ele borse tengono i livelli guadagnati con il dollaroamericano in grado di recuperare un po’ di terreno neiconfronti di sterlina, dollaro neozelandese, dollaroaustraliano ed euro (considerando quest’ultimo in terminirelativistici data la sua forza intrinseca contro ilbiglietto verde). Fantascienza o cos’altro?.

Brutti dati macro vs. liquidita’.

La serie di dati non propriamente positivi rilasciatidurante le ultime settimane in America ha scatenato reazionidel mercato che ci confermano quello che da tempo sosteniamo,ovvero che soprattutto i corsi azionari riescono a rimaneresostenuti a causa delle aspettative degli investitori chevedono la possibilita’ di uno slittamento ufficiale del QE alprossimo 2014, circolano rumor su posizionamenti di questoinizio di exit strategy tra il febbraio e l’aprile delprossimo anno. Ora come ora, cosi’ come avevamo ipotizzatodiversi mesi fa che si sarebbe cominciato a ragionareeffettivamente su un potenziale incremento del taperingquando la disoccupazione avrebbe raggiunto livelli che simuovevano tra il 7.1% ed il 7.2% non siamo in grado,analizzando i prezzi, di scontare con una buonaapprossimazione quando esso potrebbe effettivamente essereimplementato, ma siamo convinti che durante la riunione didomani non verranno forniti riferimenti temporali e non cisaranno fornite sorprese sull’argomento, il che potrebbe, inultima istanza, rappresentare una buona occasione perprendere profitto sulle borse se non partiranno movimenti aribasso durante la giornata di oggi e domani, che sedovessero invece accadere potrebbero portare ad una reazionediametralmente opposta su un nulla di fatto da parte dellaFed, che continuerebbe ad iniettare liquidita’ nel sistemafinanziario (purtroppo non in quello economico). Fino aquando ci si manterra’ sopra l’area di 1,750.0 per lo S&P500e 15,475 sul Dow Jones non esistono pericoli concreti diassistere a tentativi di discesa importanti.

Strani flussi sul dollaro.

Soprattutto durante la notte e che provano a riversarsisulle major, escludendo lo yen giapponese che continua amostrare segni di correlazione con le borse asiatiche. L’eurofa parte del disegno, ma come detto la sua forza sta dandofastidio agli acquirenti di dollaro americano che in mancanzadi argomentazioni importanti sul fronte macro cercano dilavorare i cambi piu’ liquidi al fine di raggiungere livellitecnici di attenzione sui quali intercettare nuvole di ordinipiu’ importanti, creando quel minimo di volatilita’ che in unmercato come quello attuale latita in maniera importante.

Oltre al dollaro australiano ed al neozelandese si sfrutta laminor liquidita’ della notte sulla sterlina per tentare dimuovere il mercato con meno denaro e da qualche settimana aquesta parte notiamo che i tipici movimenti laterali delpound stanno venendo meno e sono comparsi movimentidirezionali di breve, correlati con le oceaniche. Sara’ unfenomeno che presumibilmente non durera’ molto, nel momentoin cui le volatilita’ stimate torneranno a crescere dovrebbetornare tutto nella normalita’, ma non potevamo nonevidenziare questo comportamento atipico, soprattutto per chilavora sfruttando le rotture del mattino all’apertura diLondra sui mercati europei.

QUADRO TECNICO. EurUsd: non possiamo far altro che ripeterci sull’EurUsd,che si mantiene all’interno della congestione vista venerdi’e ieri. Il mancato superamento di 1.3760 o di 1.3840 non haportato ad aumenti di volatilita’ importanti e ci troviamoancora a curare questi confini, per assistere a tentativi diapprofondimenti rispettivamente verso 1.3740 e 1.3875,livelli che potrebbero innescare partenze verso 1.3700 o1.3900. Raccomandiamo nuovamente prudenza e leve piu’ bassedel solito per poi eventualmente incrementare le posizioni,tenendo conto dell’SSI (posizionato ancora oltre il 4 corto edei bassi percentili di volatilita’ ancora al 2%).

UsdJpy: buona tenuta delle resistenze a 97 3/4, con iprezzi in grado di scendere di pochi punti (ma lo sappiamo,la volatilita’ e’ molto bassa) fino a 97.50, livello che hasostanzialmente tenuto. Un abbandono di area 97.40 potrebberisultare un buon trigger per pensare ad approfondimentiverso 97 1/4, estendibile fino a 97.15 (da valutare su ungrafico a 4 ore), con l’area di 97.85 che potrebberappresentare un livello oltre il quale pensare a movimentiverso 98.10/20.

EurJpy: eviteremmo di continuare a cercare livelli sugliyen, il mercato risulta poco chiaro nell’intraday. Le unichearee curabili, a nostro avviso, risultano lontane dallequotazioni attuali e passano intorno a 134.10 come potenzialelivello di supporto dinamico (H1 e H4) con 133.70 come puntosu cui iniziare a pensare di valutare eventuali discese deiprezzi, che potrebbero prendere corpo sotto 133.50. Unsuperamento a rialzo di 134.75 risulta necessario per tentaredi superare l’area di massimo posta a 135.00, che se superatodi una ventina di punti potrebbe lasciare spazio verso 135.50ed eventualmente nuovi massimi.

GbpUsd: chi avesse impostato delle operazioni corte sotto1.6160 (che una volta rotto ha funzionato da resistenza) conun trailing stop attivato in macchina per sfruttare al megliopotenziali discese del mercato all’interno dell’area disupporto su cui abbiamo ragionato ieri (che avrebbe potutofrenare i prezzi in qualsiasi momento ma che avrebbe anchepotuto essere superata), probabilmente questa mattina sarebbeancora a mercato dopo il regalo atipico della notte didiscesa. I prezzi ora si trovano sotto la media a 21 oraria,che insieme all’area che passa tra 1.61 1/4 e 1.61 1/2potrebbe rappresentare una buona resistenza che potrebbecontenere gli ascquisti di pound. Un ritorno sopra1.6170diviene a nostro avviso necessario per pensare a ripresedella sterlina, che potrebbero portare le quotazioni verso1.6200 ed in estensione 1.6220, mentre in caso diapprofondimento sotto 1.6085 e’ possibile attendersitentativi di raggiungimento dell’area di 1.6165, chedev’essere superata di almeno una quindicina di punti primadi lasciare spazio verso 1.6120. AudUsd: buona strategia per chi ha aspettato un ritornosotto 0.9585 prima di pensare ad approfondimenti ribassisti,che avrebbero potuto prendere forza in caso di superamento diarea 0.9560 (ed effettivamente cosi’ e’ stato, con ilraggiungimento di area figura). Ci troviamo ora sotto lamedia mobile a 21 periodi che potrebbe essere curata comearea di resistenza, tenendo conto che per assistere a giri arialzo del mercato occorre superare, a nostro parere, l’areapassante intorno a 0.95 3/4, con 0.9610/25 che potrebbecomunque intervenire a frenare i prezzi. Sotto 0.9485 ilmercato potrebbe essere pronto a tentare approfondimentiverso 0.9450.

Ger30 (Dax): Dax che si mantiene all’interno di un buontrend ascendente visibile su un grafico orario, con i prezziche questa mattina si stanno avvicinando ai supporti dinamicipassanti per 8,960. Sotto di essi passano dei punto staticich si muovono tra 8,930 e 8,950 che se non dovessero tenerepotrebbero lasciare spazio a tentativi di discesa verso8,900.

XauUsd (oro): su un grafico a 4 ore dell’oro i prezzi sistanno mantenendo sopra la media a 21 ed i supporti vistiieri hanno tenuto con il raggiungimento di area 1,358.00,superata la quale e’ mancata un’accelerazione verso ipotenziali target posti a 1,365.00, il che ci fa notare unaperdita di momentum, rilevabile anche dal fatto che i prezzisiano usciti dall’ultimo canale rialzista, comunque moltoripido. L’area di 1,345.00 potrebbe risultare un buonsupporto in grado di frenare la divergenza ribassista a 4 oreformatasi. Soltanto in caso di superamento a ribasso diquest’area e’ possibile attendersi approfondimenti ribassistia step di 10 dollari, con ultimi livelli di attenzione postia 1,325.00.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, oaltre informazioni contenute in questo documento sono fornitecome commento generale del mercato e non costituiscono unconsiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita’per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione,qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare,direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su taliinformazioni. Il contenuto di questo documento e’ soggetto amodifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e’previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prenderedecisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia haadottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezzadelle informazioni contenute nel documento, tuttavia, nongarantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilita’per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente oindirettamente dal contenuto o la vostra incapacita’ diaccedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimentodella trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni oavvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documentonon e’ destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da partedi qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui taledistribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o allaregolamentazione). www.fxcm.it.

red/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su