Header Top
Logo
Domenica 23 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Electrolux: Zaia, azienda si confronti con istituzioni e parti sociali

colonna Sinistra
Venerdì 25 ottobre 2013 - 19:54

Electrolux: Zaia, azienda si confronti con istituzioni e parti sociali

(ASCA) – Venezia, 25 ott – ”Il prospettato taglio dei postidi lavoro da parte dell’Electrolux rappresenterebbe per ilVeneto un nuovo contraccolpo durissimo all’occupazione e allasua economia in generale: premesso che la Regione e’ dallaparte dei lavoratori, chiediamo di poter valutareattentamente le conclusioni del piano di competitivita’ dellediverse sedi annunciato dal gruppo svedese e invitiamo ilGoverno ad un’azione concreta: basta slogan e false promesse,adesso l’esecutivo nazionale operi davvero una drasticariduzione del cuneo fiscale per non affossare definitivamenteil nostro sistema produttivo”. Cosi’ il presidente dellaRegione del Veneto, Luca Zaia, commenta il documento diffusooggi da Electrolux, con il quale si paventa un taglio diaddirittura duemila posti di lavoro, molti dei qualiprobabilmente in Italia, dove il gruppo ha quattro fabbrichedi elettrodomestici, tra cui quella di Susegana, in provinciadi Treviso, dove sono impiegate un migliaio di unita’.

”Sappiamo che l’azienda sta subendo di fatto unacontrazione di mercato – prosegue Zaia – ma sappiamo ancheche la responsabilita’ della perdita di posizione sui mercatidel prodotto e’ attribuibile all’eccessivo costo del lavoronel nostro Paese. Tocca al Governo, quindi, gia’ con la leggedi stabilita’ in discussione, dare una risposta seria aquesto problema: il cuneo fiscale si puo’ ridurre, attraversointerventi di riduzione della spesa pubblica che sonoconcretamente attuabili, a cominciare dai costi standard, lacui applicazione libererebbe decine di miliardi di euro dirisorse in pochissimo tempo”.

”Chiediamo all’Electrolux di condividere ogni futuro passocon le Istituzioni e soprattutto con le parti sociali – haconcluso il presidente della Regione del Veneto – erinnoviamo l’invito pressante al Governo di finanziare senzaulteriori indecisioni la cassa integrazione in deroga, alfine di evitare il manifestarsi di drammatici conflittisociali”.

fdm/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su