Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Banche: Sileoni,5 buone ragioni per scioperare.Destino nelle nostre mani

colonna Sinistra
Giovedì 24 ottobre 2013 - 17:24

Banche: Sileoni,5 buone ragioni per scioperare.Destino nelle nostre mani

(ASCA) – Roma, 24 ott – Lo sciopero nazionale dei lavoratoribancari corre sul Web con un video di Lando Sileoni,segretario generale della Fabi, il sindacato di maggioranzadel settore del credito con oltre 100 mila iscritti. Nel video, il numero uno della Fabi spiega a lavoratori eclientela le 5 buone ragioni per scioperare contro ladisdetta anticipata del contratto collettivo nazionale delcredito da parte dell’Abi, un contratto che riguarda unaplatea di 309mila addetti.

”Scioperiamo per difendere tutti i diritti dei lavoratorigarantiti solo ed esclusivamente dal contratto nazionale, perdenunciare la miopia politica dei banchieri, che voglionorecuperare i 140miliardi di sofferenze bancarie a danno deilavoratori. Scioperiamo per mantenere gli attuali 309 milalavoratori del settore”, spiega Sileoni, ”scioperiamoperche’ vogliamo un modello di banca attento alla clientela,ai territori, ai lavoratori e alle loro famiglie. Allo stessotempo noi vogliamo che le banche guadagnino e che producanoreddito perche’ il benessere delle banche equivale albenessere dei lavoratori bancari e delle loro famiglie”.

Il numero uno della Fabi elenca poi anche le 5 ”ottime”ragioni per non scioperare: ”se si vuole la mobilita’selvaggia su tutto il territorio nazionale; gli annullamentidegli inquadramenti e dei contratti integrativi, un posto dilavoro a rischio; essere cinquantenni e venirobbligatoriamente rottamati oppure essere giovani e precariper sempre; vedere deciso il proprio trattamento economicodai banchieri”.

”Scioperiamo anche per avere una banca vicina alleimprese, alle famiglie, ai territori, un modello di banca chetutte le organizzazioni sindacali rivendicano. Il destinodella categoria e’ nelle nostre mani.Solo nelle nostre mani.

Il contratto ce lo dobbiamo andare a prendere”, con questeparole si chiude il video di Sileoni.

Si tratta della seconda clip pubblicata su www.fabitv.it,dopo il video provocatorio dal titolo ”Lo sciopero del 31ottobre e la pistola dei banchieri puntata alla tempia”, nelquale il leader della Fabi compariva con una pistolagiocattolo puntata alla tempia a simboleggiare il ricattodelle banche che vogliono rinnovare il contratto dei bancarisolo alle loro condizioni. Un’iniziativa virale che sul sitodel sindacato fabitv.it ha gia’ ottenuto decine di migliaiadi visualizzazioni.

red/men

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su