Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Legge stabilita’: sindacati, 4 ore di sciopero a novembre. Letta, risposta precipitosa

colonna Sinistra
Lunedì 21 ottobre 2013 - 21:23

Legge stabilita’: sindacati, 4 ore di sciopero a novembre. Letta, risposta precipitosa

(ASCA) – Roma, 21 ott – Cgil, Cisl e Uil indicono scioperi territoriali di 4 ore nel mese di novembre, per ”ottenere cambiamenti” al testo della Legge di stabilita’. Lo hanno annunciato i segretari generali delle tre sigle sindacali, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, al termine dell’incontro di questa mattina sulle misure da adottare in vista del varo della Legge di stabilita’. Intanto, il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ribadisce il proprio ”forte timore che nella fase del passaggio della conversione in legge del ddl Stabilita’ saltino fuori le porcherie e le porcate del passato. Mi auguro con forza che questo non succeda”. E aggiunge: ”Stiamo mandando con forza questo nostro messaggio al governo”. In serata, il premier Enrico Letta, parlando a ”Otto e mezzo”, ha cosi’ commentato la decisione dei sindacati di proclamare sciopero: ”Penso che i sindacati siano liberi di fare il loro lavoro. Non mi scandalizza la scelta dello sciopero. Segnalo solo che questa legge di stabilita’ non aumenta le tasse, non opera tagli sulla sanita’. Complessivamene e’ favorevole ai cittadini. La risposta di oggi dei sindacati e’ un risposta precipitosa”. ”Questa legge di stabilita’ dopo anni fa calare il debito generale e fa scendere il deficit annuale, fa scendere la spesa pubblica primaria, le tasse sulle famiglie e sulle imprese e nelle nostre previsioni dara’ una crescita dell’1% nell’anno prossimo”, ha spiegato Letta. red/int

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su