Header Top
Logo
Domenica 23 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Imprese: Visco, non hanno saputo investire in ricerca e sviluppo

colonna Sinistra
Sabato 19 ottobre 2013 - 12:05

Imprese: Visco, non hanno saputo investire in ricerca e sviluppo

(ASCA) – Bari, 19 ott – Lo Stato spende poco in cultura econoscenza e le imprese non hanno saputo utilizzare i’margini’ derivanti dal basso costo dei salari reali e dallaflessibilita’ per investire in ricerca.”La spesa pubblicaitaliana nelle politiche attive per la formazione e i serviziper l’impiego era nel 2007, prima della crisi, pari a duedecimi di punto percentuale del PIL, la meta’ o meno diquella sostenuta nell’intera Unione Europea o in Germania eFrancia. Durante la crisi, la quota del PIL destinata a talipolitiche in Italia si e’ ulteriormente ridotta, mentre e’cresciuta in quasi tutti i paesi dell’Unione”. Lo ha dettoil governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, nel suointervento al Forum dell’editoria che si tiene a Bari.

Visco ha anche spiegato che negli ultimi anni ”sono onostati registrati passi in avanti”. Per quanto riguarda in particolare il lavoro, ”i marginiottenuti con la maggiore flessibilita’ del mercato del lavorointrodotta dalla meta’ degli anni novanta, e la contestualeriduzione dei salari reali, sono stati – ha rilevato Visco -troppo poco utilizzati dalle imprese per realizzare gliinvestimenti in ricerca e sviluppo e in nuove tecnologienecessari per affrontare con efficacia le sfide poste daigrandi cambiamenti degli ultimi decenni”. La sopravvivenza delle imprese ”che non hanno intrapresoil necessario aggiustamento strutturale ha avuto luogo alcosto di mantenere bassa la qualita’ del capitale umanomediamente richiesto, comprimendone la dotazione complessivae con essa anche il suo rendimento”, ha concluso. ram/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su