Header Top
Logo
Venerdì 17 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Legge stabilita’: Confcooperative, dare segnale forte su Irap

colonna Sinistra
Giovedì 10 ottobre 2013 - 16:10

Legge stabilita’: Confcooperative, dare segnale forte su Irap

(ASCA) – Roma, 10 ott – ”Chiediamo un segnale fortesull’Irap perche’ penalizza, eccessivamente, le imprese, inparticolare, le labour intensive, cioe’ quelle ad altaintensita’ occupazionale, come le cooperative, dove il costodel lavoro incide sul fatturato per oltre il 90%”. Loafferma in una nota presidente di Confcooperative MaurizioGardini commentando la cosiddetta ‘manovrina’ 2013 approvataieri dal Consiglio dei Ministri.

”Cominciamo con il togliere l’Irap per ogni giovaneneoassunto. Questa misura non rappresenterebbe un calo digettito per l’erario, ma un investimento – puntualizza illeader di Confcooperative – perche’ darebbe vita a un circolovirtuoso. Creerebbe, infatti, nuova occupazione determinandotre elementi fondamentali: nuovo reddito imponibile e,quindi, nuovo gettito per l’erario; nuovi versamenticontributivi, positivi anche per l’equilibrio dei contiprevidenziali del Paese; contenimento dei costi sugliammortizzatori sociali di ogni tipo”. ”Ultimo punto, e non per ordine d’importanza, su cuiintervenire sono i costi del part-time. Un’impresa per duelavoratori part-time vede aumentare la sua base imponibileIrap rispetto a un lavoratore assunto full-time. E’ un onereche va rimosso, perche’ frena l’uso di questo strumentoutilizzato, in particolare, in alcuni periodi di vitalavorativa delle donne. Si tratta – conclude Gardini – didoverose politiche di conciliazione vita lavoro, rispettoalle quali la cooperazione e’ particolarmente attenta. Non e’un caso che sia donna il 52,8% dell’1,3 milioni di occupatidelle cooperative italiane”.

com-drc/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su