Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Abi: Patuelli incontra direttore della Dia Arturo De Felice

colonna Sinistra
Mercoledì 2 ottobre 2013 - 12:13

Abi: Patuelli incontra direttore della Dia Arturo De Felice

(ASCA) – Roma, 2 ott – Banche e giustizia. Un binomio chefunziona e che vede il mondo bancario impegnato in prima filaa sostegno del mondo della giustizia anche attraverso unaserie di nuove iniziative. Questo il tema al centrodell’incontro odierno tra il presidente dell’Abi, AntonioPatuelli e il direttore della Dia (Direzione InvestigativaAntimafia), Arturo De Felice.

”Le banche sono impegnate in un’intensa e proficuacollaborazione con Magistratura e Forze dell’ordine”, hadichiarato il Presidente dell’Abi, Antonio Patuelli. ”Ilnostro comune obiettivo e’ rafforzare e intensificare lacollaborazione tra banche, magistratura e forze dell’ordineper sempre nuove iniziative contro la criminalita’. Unsistema giudiziario moderno e’ un fattore cruciale dicompetitivita’ per il nostro sistema economico” ha conclusoPatuelli.

Nell’ottica di perseguire una maggiore efficienza deglistrumenti di indagine, l’Abi chiede sia data quanto primaattuazione alla norma che consente l’utilizzo, anche nelleindagini penali, della procedura telematica in uso per leindagini tributarie.

Numerose le forme di collaborazione che si stanno sviluppandotra Abi, il mondo bancario e la giustizia: la diffusione delProcesso Civile Telematico; la collaborazione per ilfunzionamento del Fondo Unico Giustizia; il Protocollo per lagestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita’organizzata; il contributo per la realizzazione del sistematelematico delle indagini finanziarie a fini fiscali e lacostituzione dell’Archivio dei rapporti finanziari. Nella prospettiva di modernizzazione, un contributoimportante viene dalla attivita’ del Consorzio CBI che, conla sua moderna infrastruttura, rende sempre piu’ efficienteil dialogo tra intermediari, pubblica amministrazione eorgani inquirenti. Un modello per future iniziative ilprogetto internazionale CAPACI che consente al MEF ilmonitoraggio dei movimenti finanziari connessi allarealizzazione di grandi opere pubbliche impedendol’infiltrazione di capitali di origine illecita.

com-ram

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su