Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Confesercenti, crescono solo imprese web. Cambiare mentalita’

colonna Sinistra
Sabato 28 settembre 2013 - 17:27

Crisi: Confesercenti, crescono solo imprese web. Cambiare mentalita’

(ASCA) – Roma, 28 set – In Italia boom di imprese che vendonovia web: +24,5% su gennaio 2012. Negli ultimi 20 mesi saldopositivo di 2250 unita’, quasi 4 negozi online in piu’ algiorno. Il commercio al dettaglio in sede fissa e’ ancoraalle prese con la crisi, ma i negozi del web continuano acrescere. Lo attestano le rilevazioni dell’OsservatorioConfesercenti che vedono, da gennaio 2012 ad agosto 2013, leattivita’ di commercio web cresciute da 9.180 a 11.430: unsaldo positivo di 2.250 unita’, pari a quattro imprese inpiu’ ogni giorno. Da qui linvito dell’organizzazine agliimprenditori a ”cambiare mentalita”’ e il plauso allemisure in tal senso apportate dal cosiddetto Dl Fare. Il dettaglio territoriale mostra come, da gennaio 2012 afine agosto, l’incremento maggiore di imprese sia stato messoa segno nelle regioni del Mezzogiorno d’Italia, dove sirealizza un aumento del 30,8%. Seguono il centro (+24,3%), ilnord-est (+22,7%), il nord-ovest (+20,4%).

E’ da notare, comunque, che la macro-regione delnord-ovest rimane ancora in testa per numero assoluto diesercizi: 3.330 contro i 3.118 del sud, in secondaposizione.

”Occorre cambiare mentalita’: senza internet, senza Pos,senza eCommerce non si puo’ piu’ pensare di sopravvivere alungo sul mercato. Le nuove imprese devono essereaccompagnate nel loro percorso, dobbiamo sostenere lestart-up”, commenta Mauro Bussoni, segretario generaleConfesercenti. ”Per questo – prosegue – giudichiamo molto favorevolmentei voucher per l’informatizzazione e la formazione previstidal Dl Fare: e’ la strada giusta per sostenere le start-up.

Bene anche l’esenzione di imposta sulla cessione di aziendaprevista dalla Delega Fiscale. Ma – allerta Bussoni – attentialle contraddizioni: l’imposta sulle sigarette elettroniche,che dovrebbe servire proprio a reperire risorse perl’occupazione giovanile, rischia di uccidere un settoreeconomico di grande peso, che impiega circa 5mila persone,per la grande maggioranza giovani”, conclude l’esponente diConfesercenti.

com-stt/sam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su