Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ilva: Riva, urgente tavolo con governo custode giudiziario e banche

colonna Sinistra
Giovedì 26 settembre 2013 - 16:57

Ilva: Riva, urgente tavolo con governo custode giudiziario e banche

(ASCA) – Roma, 26 set – Riva Acciaio, in risposta allalettera di precisazione ricevuta oggi dal CustodeGiudiziario, Dottor Tagarelli, ha inviato allo stesso e alGoverno la richiesta di farsi parti attive al fine di trovarecon le banche le formule tecniche piu’ idonee a consentirel’uso delle liquidita’ sottoposte a sequestro, per il normalesvolgimento delle attivita’ dell’Azienda.

La richiesta – precisa l’azienda in una nota – ”si rendenecessaria poiche’ nella sua risposta il dott. Tagarelliprecisa che le somme attualmente sottoposte a sequestropotranno essere destinate all’attivita’ produttiva a frontedella garanzia, prescritta dal G.I.P., della lororestituzione, anche in via progressiva, all’AmministrazioneGiudiziaria – permanendo sulle stesse il vincolo delsequestro, e che tale garanzia potra’ essere fornita con leforme e le modalita’ tecniche che si riterranno idonee”.

A conferma di quanto sostenuto – precisa ancora l’azienda-, ”il dott. Tagarelli ha anche allegato il documento diprecisazione del G.I.P. di Taranto, nel quale si puo’leggere, tra l’altro, come sia evidente che, permanendo ilsequestro sulla liquidita’ utilizzata dall’amministratoregiudiziario per i pagamenti necessari per la prosecuzionedelle attivita’ aziendali, ne dovra’ essere assicurata larestituzione all’Amministrazione Giudiziaria, a mezzo diidonee garanzie (ad es. polizza fideiussoria bancaria oassicurativa o altro strumento equipollente) o attraversoaltre modalita’ e forme di rientro progressive che verrannoproposte dal medesimo amministratore”.

Pertanto – aggiunge Riva Acciaio -, ”pur nellaconsapevolezza, gia’ segnalata nella lettera inviata ieri alDott. Tagarelli, della sostanziale impossibilita’ per RivaAcciaio di fornire garanzie bancarie, l’azienda si rendeimmediatamente disponibile a esperire, con il Custode, ognitentativo di interlocuzione con le banche per verificare sele condizioni poste dal G.I.P. trovino riscontro nellarealta’ economica in cui le banche e aziende industrialioperano, e chiede al Governo di volersi rendere promotore diun incontro urgente con il Custode e con le banche diriferimento di Riva Acciaio, per verificare se esistanostrumenti di tecnica bancaria che consentano di adempierealle condizioni poste dal G.I.P. per riavere accesso allaliquidita’ gia’ sequestrata e ai futuri incassi daiclienti”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su