Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 24 settembre 2013 - 09:15

Cambi: riflessioni e attesa (analisi Fxcm)

(ASCA) – Roma, 24 set – La fiammata innescata dalla Fed pocomeno di una settimana fa e’ rimasta tale e non ha fornitoagli operatori di mercato i necessari spunti affinche’ nuoveaspettative andassero a crearsi e di conseguenza ariflettersi sui prezzi delle attivita’ finanziarie. Tempiduri dunque per i trader, con volatilita’ ai minimi e marketmover pressoche’ assenti dal calendario economico.

La storia insegna. La settimana che ci apprestiamo a vivere sui mercati e’tradizionalmente piuttosto avara di sorprese per il rischiopiu’ in generale, laddove i titoli azionari e il valutariosono particolarmente penalizzati.

Venerdi’ scorso e’ stato infatti il cosiddetto ”TripleWitching”, la scadenza trimestrale cioe’ dei future sugliindici azionari, opzioni sui future sugli indici azionari eopzioni sui singoli titoli azionari. Storicamente lasettimana successiva al ”venerdi’ delle Streghe” diSettembre e’ tra le peggiori dell’anno in particolare perl’azionario Usa, con l’S&P500 che mediamente ha fattoregistrare cali di quasi il 2% e si e’ deprezzato nell”80%dei casi. In questo caso abbiamo ieri avuto le primeconferme, con l’indice di riferimento globale che ha violatocon forza i supporti in area 1.710 punti per poi scendereanche sotto la soglia di 1.700 punti ed arrestare la propriacorsa proprio poco sotto. Piu’ in generale i movimenti degnidi qualche nota in questo inizio di settimana autunnale hannoriguardato proprio il mercato azionario anche sul fronteeuropeo con Dax e FTSe Mib, tanto per citare due benchmark dipaesi a rischio differente, che si sono portati sui supportisulle scorta delle indicazioni degli indicatori tecnici cheperduravano in situazione di ipercomprato e che potrebberoproseguire a scaricarsi andando ad acuire il movimentodiscesista, comunque all’interno di un piu’ ampio quadrobullish.

Le elezioni tedesche.

Come largamente atteso la Cancelliera Angela Merkel hastravinto le elezioni, senza pero’ riuscire ad ottenere lamaggioranza assoluta e con il problema di dover cosi’ formareuna coalizione di maggioranza stabile senza poter contaresull’appoggio dei liberali (fuori dal Bundestag) e con laremota possibilita’ di ottenere ausilio dall’opposizionerappresentata dalla SPD. Al di la’ di questi aspetti tecniciche non impediranno di certo la formazione di un nuovoGoverno, e’ del tutto evidente che questo risultato insintesi permettera’ la prosecuzione delle attuali politicheeuropee caratterizzate da risanamento dei conti pubblici erigore fiscale nelle quali non spaventa affatto un euro inposizione di forza contro il dollaro americano, yen e cosi’via. L’Europa seguira’ infatti il cammino di austerity che lapotenza tedesca ha deciso di imporre a tutti paesi di questasquilibratissima Eurozona e, tanto per citare un elemento,l’assenza di dibattito circa uno strumento come gli Eurobondche ovviamente perdurera’, allontana non solo uno strumentodi solidarieta’ verso i paesi che pagano un prezzo altissimoper rifinanziare il proprio debito dubblico, ma anche unamisura di allentamento monetario che potrebbe portare adeprezzamenti di euro contro dollaro e yen, su tutte, le cuirispettive banche centrali invece perdurano nell’implementaremassicci piani di immissione di liquidita’. Eventuali perditedi forza relativa della moneta unica nei confronti dellealtre major, greenback su tutte, potranno essere percio’eventualmente generate da dinamiche di tapering diQuantitative Easing e non certo da logiche che strettamenteriguarderanno l’Europa. Ma su questi temi avremo modo ditornarci nelle settimane a venire. Tornando alla piu’ strettaattualita’, vale la pena ricordare la pubblicazionedell’Indice Ifo della Germania prevista per le ore 10 e laFiducia dei Consumatori degli Stati Uniti alle 16 chepotranno quanto meno offrire spunti per un’operativita’ dibreve sui quadri tecnici piu’ interessanti dal punto di vistadei livelli di supporto e resistenza.

QUADRO TECNICO. EurUsd: ancora molto lievi i ritracciamenti del cambio,rispetto ai massimi relativi a 1,3560 raggiunti in occasionedelle comunicazioni da parte della Fed dello scorsomercoledi’. Vi sono stati infatti dei tentativi di rotturasotto 1,35, base della lateralita’ che si e’ venuta a formaresul cambio. Sul 4 ore si puo’ osservare come siasignificativa come supporto l’area compresa appunto tra1,3475 e 1,35 attraversata dall’ottima media mobileesponenziale a 21 periodi. Questa potrebbe infatti costituireil punto di appoggio per l’estrinsecarsi di una divergenzainversa rialzista tra prezzo e oscillatore stocastico perritorni dapprima in area 1,3530 e sui massimi in estensione.

Spostandoci sul grafico orario, quanto detto potrebbeessere confermato dalla rottura al rialzo della figura atriangolo caratterizzato dalla tipica congestione notturnadel cambio, in area 1,3510. In short vale la pena diimplementare ordini in stop in area 1,3475 per primo target(ideale per stop in pari) a 1,3450 (livello statico etransito livello dinamico) e con la possibilita’ di restaredentro per eventuali affondi fino alla cruciale area di1,34.

UsdJpy: ancora estremamente confusa la situazione delcambio che continua a non avere una precisa direzionalita’ eche puo’ essere funzionale ad un trading di breve. In questosenso il grafico orario permette di lavorare in divergenzaregolare rialzista per 99,10 come primo target e, allaviolazione delle medie mobili a 100 e 200 periodi, 99,35 e99,50 come obiettivi successivi. Dal punto di vista delrapporto Risk/Reward ottime sarebbero le posizioni cortesotto 98,60 per lo strategico target di 97,80.

EurJpy: bel ribasso per il cross ieri, cross che ha potutosfruttare la concomitanza di ribasso dei due cambi originaliche lo formano. Sul grafico a 4 ore vi e’ la possibilita’ diattendere la formazione, ad ora potenziale, di un pattern didivergenza inversa rialzista che vedrebbe nel doppio minimodi breve in area 133 un buon presupposto di partenza. Ilsuperamento al rialzo del pivot point daily e della mediamobile a 21 periodi potrebbe risultare strumentale a ripresedi 134,15 prima di area 134,80. Un arresto nella zona sopraevidenziata permetterebbe invece ingressi short verso i primiminimi a 133 e 132,60.

GbpUsd: il cambio e’ ancora contenuto nella macrofigurarialzista valida da inizio luglio e nella microfigura in essacontenuta sulla congiunzione di minimi e massimi crescenti apartire dalla seconda settimana di settembre. Sul 4 oreassistiamo anche qui, proprio sul supporto dinamico e sullamedia mobile a 21 periodi, ad una divergenza inversarialzista per la ripresa di 1,6075 oltre il quale sirivedrebbero i massimi relativi. Uil cedimento dell’attualearea, fermo restando la bassa volatilita’, porrebbe inveceuno scenario bearish per 1,5965 come primo obiettivo.

AudUsd: la figura di riferimento permane il canalerialzista attivo sul cambio dalla fine del mese di agosto eviolato solo venerdi’ scorso in chiusura dei mercati. 0,9450rappresenta il punto cruciale sia come resistenza statica chein ottica di pullback del supporto dinamico per ripartenzecorte la cui portata passa pero’ dal cedimento di area 0,9390per rivisitazione di 0,9350 in primo luogo. Si tornerebberialzisti solo a conferme sopra 0,9450 cn livelli ben chiaria 0,9385 e 0,9530.

(Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, oaltre informazioni contenute in questo documento sono fornitecome commento generale del mercato e non costituiscono unconsiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilita’per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione,qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare,direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su taliinformazioni. Il contenuto di questo documento e’ soggetto amodifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed e’previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prenderedecisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia haadottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezzadelle informazioni contenute nel documento, tuttavia, nongarantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilita’per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente oindirettamente dal contenuto o la vostra incapacita’ diaccedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimentodella trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni oavvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documentonon e’ destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da partedi qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui taledistribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o allaregolamentazione). www.fxcm.it.

red/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su