Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Commercio estero: Calenda incontra a Parigi ministro Bricq

colonna Sinistra
Lunedì 23 settembre 2013 - 17:43

Commercio estero: Calenda incontra a Parigi ministro Bricq

(ASCA) – Roma, 23 set – Carlo Calenda, Vice Ministro delloSviluppo Economico, ha incontrato oggi a Parigi Nicole Bricq,Ministro del Commercio Estero francese.

Durante il colloquio – si legge in una nota – i dueMinistri hanno discusso la strategia di politica commercialedell’Unione Europea in vista dei Consigli dei ministri AffariEsteri e Commercio del 18 ottobre e del 3 Dicembre, nonche’del prossimo Vertice italofrancese, che si terra’ il 20novembre a Roma.

In particolare, Calenda e Bricq hanno sottolineatol’importanza, nel contesto dell’attuale dibattito sulprogetto di modernizzazione degli strumenti di difesacommerciale, di salvaguardare l’efficacia di queste misureutili per la lotta contro la concorrenza sleale, causatadalle importazioni oggetto di dumping o di sovvenzioni.

Sull’accordo di partenariato transatlantico fra UnioneEuropea e Stati Uniti, hanno ribadito il proprio impegno perun processo decisionale trasparente, esprimendosi a favoredella pubblicazione del mandato negoziale, ed hannosottolineato al contempo l’esigenza di una maggiore vigilanzasulle questioni relative alla protezione degli investimenti.

I Ministri hanno inoltre condiviso l’importanza digarantire alle aziende italiane e francesi un accesso alleprocedure d’appalto nei Paesi terzi : al riguardo, laproposta di regolamento europeo sulla reciprocita’ puo’facilitare questa apertura, anche nel contesto degli accordidi libero scambio.

Infine hanno auspicato il successo della nona ConferenzaMinisteriale a Bali (3-6 Dicembre 2013) .

Durante l’incontro il Vice Ministro Calenda ha rimarcatocome l’industria debba diventare l’interesse strategicoprioritario anche della politica commerciale europea. ”Cio’e’ di particolare importanza- ha sottolineato l’esponente delGoverno – anche alla luce dell’accordo con gli Stati Unitiche stanno investendo massicciamente sulla competitivita’ delsettore manifatturiero. Per quanto riguarda il progetto diriforma degli strumenti di difesa commerciale, siamod’accordo che non dobbiamo indebolirli in alcun modo, ma anzifacilitarne l’accesso da parte delle PMI. Sia sullaprospettiva strategica che sui dossier di politicacommerciale piu’ importanti – ha concluso Calenda – l’accordotra Italia e Francia e’ pieno”.

Nicole Bricq ha sottolineato che ”mentre Europa e StatiUniti negoziano un accordo di partenariato transatlantico, leregole del commercio internazionale devono essereuniversalmente rispettate. Per questo, e’ ancora piu’importante per l’Europa esprimersi con una sola voce. Questocolloquio mi consente di riaffermare quanto l’asseitalo-francese sia forte”.

red/glr

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su