Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Industria: Istat, luglio ancora in apnea per fatturato e ordinativi

colonna Sinistra
Venerdì 20 settembre 2013 - 10:28

Industria: Istat, luglio ancora in apnea per fatturato e ordinativi

(ASCA) – Roma, 20 set – Dall’Istat ancora segnali negativi aluglio per l’industria italiana, che registra un nuovo calodi fatturato e ordinativi.

Il fatturato industriale, al netto della stagionalita’,registra una diminuzione dello 0,8% rispetto a giugno, convariazioni negative dello 0,9% sul mercato interno e dello0,6% su quello estero. Nella media degli ultimi tre mesi,l’indice complessivo registra un incremento dello 0,5%rispetto ai tre mesi precedenti. Corretto per gli effetti dicalendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 diluglio 2012), il fatturato totale diminuisce in terminitendenziali del 3,6%, con un calo del 5,0% sul mercatointerno e dello 0,8% su quello estero. Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano calicongiunturali per i beni di consumo (-1,6%), per i benistrumentali (-1,3%) e per i beni intermedi (-0,4%), mentreper l’energia si registra un incremento (+2,4%). L’indicegrezzo del fatturato cala, in termini tendenziali, dello0,5%: il contributo piu’ ampio a tale diminuzione viene dallacomponente interna dell’energia. L’unico incremento tendenziale del fatturato si registranelle altre industrie manifatturiere (+1,7%), mentre ladiminuzione piu’ marcata riguarda la fabbricazione di coke eprodotti petroliferi raffinati (-13,1%).

Quanto agli ordinativi dell’industria, sempre a lugliosono scesi dello 0,7% su base congiunturale, sintesi di uncalo del 2,6% degli ordinativi interni e un incrementodell’1,8% di quelli esteri. Nella media degli ultimi tre mesigli ordinativi totali crescono del 2,3% rispetto al trimestreprecedente.

Nel confronto con il mese di luglio 2012, l’indice grezzodegli ordinativi segna una variazione negativa del 2,2%.

L’aumento piu’ significativo si registra nelle industrietessili, abbigliamento, pelli e accessori (+10,8%), mentre ilcalo piu’ rilevante si osserva nella fabbricazione di mezzidi trasporto (-21,1%).

men/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su