Header Top
Logo
Domenica 23 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Expo 2015: Sbarra (Cisl), richieste delle imprese inaccettabili

colonna Sinistra
Venerdì 20 settembre 2013 - 15:47

Expo 2015: Sbarra (Cisl), richieste delle imprese inaccettabili

(ASCA) – Roma, 20 set – ”L’approccio del sindacato sulnegoziato Expo e’ stato dall’inizio quello di cercare ungiusto equilibrio che cogliesse le esigenze delle imprese maanche quelle di tutela dei lavoratori”. Lo dichiara in unanota il Segretario confederale della Cisl, Luigi Sbarra, altermine dell’incontro tenutosi oggi tra il ministro delwelfare, Giovannini e le parti sociali sull’Expo 2015.

”Le richieste dei datori di lavoro – continua Sbarra -riguardano un contratto a tempo determinato per 24 mesi,applicato in maniera indistinta e generica su tutto ilterritorio nazionale, senza causale, sganciato da vincolicontrattuali e da confronto sindacale, privo di una forma dicompensazione che alzi le retribuzioni , la contribuzione ela formazione dei lavoratori, a fronte della richiesta dimaggiore flessibilita’.Tutto cio’ per la Cisl e’inaccettabile e rasenta l’irragionevolezza. Abbiamo, alcontrario, con grande senso di responsabilita’, proposto lasoluzione di delimitare il perimetro di applicazionedell’intesa al progetto di Masterplan su cui sta lavorando ilGoverno e che dovra’ essere declinato nel progetto ‘AgendaItalia’ ed offerto la disponibilita’ a discutere di una formadi apprendistato breve, di durata di 24 mesi, da destinareagli over 29, corredato da un pacchetto formativo minimo edincentivato se destinato ad occupazione incrementale,accompagnando l’utilizzo della tipologia con maggiori quotedi salario e di contribuzione per i lavoratori, fortementeancorato alla contrattazione”.

”Non vorremmo che l’atteggiamento di indisponibilita’ deidatori di lavoro al confronto di merito con il sindacatonascondesse il desiderio di affidare al Governo l’iniziativadi assumere in modo unilaterale una normativa piegata sugliinteressi delle aziende – prosegue il sindacalista -. LaCisl, in questa spiacevole eventuale situazione, esercitera’fino in fondo la sua contrarieta’ ed assumera’ iniziativeadeguate. Nel riconfermare la disponibilita’ al dialogo ed alconfronto, daremo il nostro contributo ai tavoli tecnicipreannunciati oggi dal Ministro Giovannini e finalizzati allaricerca di una soluzione condivisa”. ”Apprezziamo la disponibilita’ del Ministro su questopercorso – conclude Sbarra – ed il fatto che abbia richiamatoalcuni elementi per noi sensibili, tra i quali la necessariaformazione sostanziale e le compensazioni per i lavoratori afronte delle maggiori flessibilita”’.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su