Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Intesa San Paolo: lancia ‘terapia d’arte’ per malati Alzheimer

colonna Sinistra
Giovedì 19 settembre 2013 - 13:18

Intesa San Paolo: lancia ‘terapia d’arte’ per malati Alzheimer

(ASCA) – Milano, 19 set – Nasce oggi, Giornata Mondialedell’Alzheimer, ‘Due passi nei Musei di Milano – Arte Visiva& Arte Terapia per l’Alzheimer’. Si chiama cosi’ il percorsodi Arte e Terapia frutto della collaborazione tra IntesaSanpaolo e Fondazione Manuli Onlus e pensato per le personeaffette da questa malattia degenerativa.

Il progetto e’ stato sperimentato con grande successo alleGallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo da aprile a giugno 2013e vede ora l’adesione del Museo Poldi Pezzoli e dellaPinacoteca di Brera.

‘Due passi nei Musei di Milano’ prevede la fruizione diopere d’arte, opportunamente selezionate, allo scopo diconsentire la piena sperimentazione sociale e relazionale deimalati. Ampio spazio viene dedicato all’esperienza, conlaboratori condotti da un Arte Terapeuta ad orientamentopsicodinamico con competenza specifica nella malattia diAlzheimer. E’ questa una particolare pratica che, attraversoil processo creativo, si e’ rivelata notevolmente efficaceper rimettere in relazione la persona affetta dadeterioramento cognitivo con se stessa e con l’ambienteesterno.

Per la prima volta tre realta’ museali milanesi come leGallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo, la Pinacoteca di Brerae il Museo Poldi Pezzoli fanno rete per mettere adisposizione, attraverso l’arte, nuovi strumenti diinclusione sociale, e per affermare la vocazione pubblica delmuseo. Diverse esperienze dimostrano come l’arte visiva possaessere in grado di colpire nel profondo e risvegliare risorsee affetti sopiti. Il confronto con un’opera d’arte, infatti,non e’ solo un’esperienza visiva ma e’ anche fortementeemotiva e capace di risvegliare insospettabili mezziespressivi e d’interpretazione.

La letteratura in proposito sembra dimostrare come l’Arte siain grado di sollecitare parti del cervello che rimangonointatte anche dopo l’insorgere della demenza, fornendo quindiuno stimolo intellettuale tanto intenso da far sentire glieffetti positivi anche a breve e medio termine.

com-fcz/sam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su