Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Saccomanni ridadisce a Rehn impegno Italia per deficit al 3%

colonna Sinistra
Martedì 17 settembre 2013 - 14:16

Crisi: Saccomanni ridadisce a Rehn impegno Italia per deficit al 3%

(ASCA) – Roma, 17 set – L’Italia ribedisce a Bruxellesl’impegno a mantenere il deficit all’interno del 3% del Pil.

Lo si legge in una nota del Tesoro al termine di un incontrodel ministro dell’Economia, Frabrizio Saccomanni, con il vicepresidente della Commissione europea e commissario agliAffari Economici e Monetari Olli Rehn, a Roma perun’audizione in Commissione Bilancio alla Camera, programmatada tempo nell’ambito dell’indagine conoscitiva relativa allecomunicazioni della Commissione di Bruxelles al ParlamentoEuropeo e al Consiglio ”Verso un’Unione economica emonetaria autentica e approfondita – Creazione di unostrumento di convergenza e di competitivita’; Coordinamentoex ante delle grandi riforme di politica economicapreviste”.

”L’incontro – si legge nella nota -, svoltosi nel quadrodei regolari e continui contatti tra Commissione e governinazionali, e’ stato un’occasione per uno scambio di vedutesulla situazione economica in Europa e in particolarenell’area dell’Euro. Il Ministro Saccomani ha fornito alCommissario alcune indicazioni preliminari sui lavori incorso per la predisposizione della Nota di aggiornamento alDef, che verra’ discussa in Consiglio dei Ministri entro il20 settembre, e della Legge di stabilita’ 2014, confermandoche in questi provvedimenti sara’ ribadito l’impegnodell’Italia a contenere il deficit nel limite del 3,0% delPil”.

Rehn, prosegue la nota, ”ha espresso apprezzamento pergli sforzi compiuti dal Governo italiano per sostenerel’attivita’ economica rispettando nel contempo i vincolieuropei. In questo contesto vi e’ stato uno scambio di ideesulle leve a disposizione dei paesi membri non soggetti allaprocedura per deficit eccessivo – come l’Italia – perassumere iniziative volte a favorire la crescita el’occupazione”.

”Infine, conclude la nota del Tesoro, ”si e’ parlatodell’iniziativa europea di cui si discute attualmente perfacilitare l’accesso al credito delle piccole e medie impresee per il quale ci si aspetta una decisione ambiziosa dalConsiglio Europeo di ottobre”.

com-sen/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su