Header Top
Logo
Venerdì 17 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Imu: Cisl, Dl insufficiente a sostenere domanda e rilanciare sviluppo

colonna Sinistra
Venerdì 13 settembre 2013 - 14:11

Imu: Cisl, Dl insufficiente a sostenere domanda e rilanciare sviluppo

(ASCA) – Roma, 13 set – ”Per la Cisl il dl Imu appare nelsuo complesso insufficiente a sostenere la domanda interna erilanciare lo sviluppo nell’attuale situazione critica delPaese”. Lo dichiara il Segretario confederale della Cisl,Maurizio Petriccioli in audizione in Parlamento sul dl Imu. ”Per esprimere una valutazione piu’ completa dei suoicontenuti- continua Petriccioli- aspettiamo, comunque, divedere quello che sara’ l’impatto effettivo sui contribuentidelle misure che il Governo intendera’ adottare per mantenerela strutturalita’ dell’esenzione dell’Imu sulla prima casa diabitazione anche dal 2014 in poi. Da questo punto di vista,occorre scongiurare il rischio che a seguito della ventilataintroduzione di una ”service tax” i contribuenti, acominciare dai lavoratori dipendenti e dai pensionati, sianocostretti a sobbarcarsi, a livello locale, oneri crescenti,difficilmente controllabili a livello centrale ed i cuimargini di manovra restano affidati agli enti locali, con ilconseguente aumento della pressione fiscale complessiva.

Sarebbe una beffa che il Paese non puo’ permettersi in unmomento in cui occorre fare ogni sforzo per aumentare ilreddito netto disponibile delle famiglie per sostenere iredditi e rilanciare la nostra economia”. Per questi motivi, la Cisl invita anche il Parlamento asostenere i contenuti del Patto sottoscritto da Cgil, Cisl,Uil e Confindustria per ridurre la pressione fiscale sullavoro e sulle pensioni. ”L’intesa- conclude Petriccioli- non si limita adindicare gli assi di intervento utili a rilanciare l’economiama individua anche come e dove reperire le risorse necessarieallo scopo, attraverso la revisione degli assettiistituzionali e la composizione dei relativi organi, a tuttii livelli, la riduzione della spesa pubblica improduttiva, lalotta all’evasione fiscale, l’alienazione del patrimonioimmobiliare disponibile, la riduzione dei centri di costo,anche tramite , l’assunzione del criterio dei costistandard”.

com-fgl/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su