Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Lunedì 9 settembre 2013 - 11:32

Bcc: 43% del credito alle famiglie

(ASCA) – Roma, 9 set – Il Credito Cooperativo sara’ presentea Torino, dal 12 al 15 settembre, in occasione della 47maSettimana Sociale dei Cattolici Italiani, che avra’ per tema”La famiglia, speranza e futuro per la societa’ italiana”.

Federcasse ha contribuito al percorso di preparazione con unapropria riflessione condensata in un Documento dal titolo”Famiglia, scuola di cooperazione. Luogo di affetti, digrammatica del lavoro, del risparmio e dellaresponsabilita”’. Il Documento, che vuole essere un contributo al confronto eal dibattito, sintetizza il punto di vista del sistema delleBanche di Credito Cooperativo e Casse Rurali (circa 400banche locali con oltre 4.400 sportelli) sul tema famiglia,intesa come particolare soggetto economico, luogo dicomposizione degli interessi nel quale si impara la”grammatica” dell’impegno e del lavoro, ma anche l’artedella cooperazione intesa come esercizio di mutualita’, disolidarieta’, di impegno per affrontare e risolvere lequestioni della vita individuale, familiare, comunitaria. Quest’anno, in particolare, il tema delle Settimane Socialitocca profondamente le ”corde” del Credito Cooperativo,nella considerazione che le BCC – che erogano il 43 per centodi tutti i loro crediti proprio alle famiglie ed hanno unaquota di mercato su questo particolare segmento di clientelaprossima al 10 per cento – hanno un punto di osservazioneprivilegiato sullo stato di salute delle famiglie italiane,sulle loro difficolta’ ed aspettative. Famiglie sempre piu”’soggetti deboli” per via del perdurare della crisi;famiglie vittime di ”ritardi, incoerenze, inefficienze” daparte del sistema di welfare e che, in molti casi, faticanoadesso ad assicurare al proprio interno quella tradizionalefunzione di ”ammortizzatore” da sempre garantita dalrisparmio accumulato; famiglie che – come ricordal’esortazione apostolica Familiaris Consortio di PapaGiovanni Paolo II – dovrebbero invece diventare parametrocostante delle decisioni politiche ed economiche. com-ram

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su