Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Gas: Staffetta, ad agosto peggior calo consumi da inizio anno (-18,2%)

colonna Sinistra
Martedì 3 settembre 2013 - 11:21

Gas: Staffetta, ad agosto peggior calo consumi da inizio anno (-18,2%)

(ASCA) – Roma, 3 set – Peggior calo dall’inizio dell’anno peri consumi italiani di gas in agosto a causa di una nuovapesante flessione del termoelettrico, che non riesce acompensare una certa ripresa dei prelievi industriali ecivili. Secondo le elaborazioni della Staffetta Quotidianasui dati di Snam Rete Gas, nel mese appena concluso l’Italiaha consumato 3.194,6 mln di mc di gas, in calo di quasi 800mln mc o del 18,9% rispetto a agosto 2012 e il 18,2% in menodello stesso mese del 2011.

Analizzando la domanda per settore di consumo, il settorecivile ha richiesto 810,6 mln mc, in aumento sul 2012dell’8,5% (+2,5% sul 2011). Anche i consumi industrialicrescono di qualcosa a 840,4 mln mc (+3,7% sul 2012 e +1,2%sul 2011). Sono pero’ ancora una volta le centralielettriche, colpite dalla crisi della domanda elettrica edalla concorrenza di rinnovabili (tra cui un idroelettrico darecord) e carbone, a mandare a picco il saldo: 1.495,2 mln mcconsumati, in calo del 33,1% sul 2012 e del 31% sul 2011.

In un confronto tra i mesi di agosto degli ultimi undicianni attraverso i numeri indice (2003=100), i consumi di gasdi quello appena concluso con 85 segnano di gran lunga illivello piu’ basso, seguito da 2003 e 2010 (102,9).

A livello cumulato, nei primi otto mesi del 2013 l’Italiaha consumato 45.304,2 mln mc, in calo del 8,5% sullo stessoperiodo del 2012 e del 10,2% sul 2011. Il settore domesticoha richiesto 22.388,6 mln mc, l’1,9% in piu’ di un anno fa eil 4,4% in piu’ di due anni fa. Le centrali elettriche hannoconsumato 13.100 mln mc, in calo del -23,2%, sul 2012 e del29,5% sul 2011. L’industria infine, con 8.688 mln mc flettedel 1,5% sul 2012 e del 2% sul 2011.

Passando all’offerta, ai minori prelievi di agosto e’corrisposta una contrazione delle importazioni (4.374,3 mlnmc, -4,1% sul 2012 e -8,6% sul 2011), una nuova flessionedella produzione nazionale (667,3 mln mc, rispettivamente-4,3% e -6,4%) e un aumento delle iniezioni in stoccaggio(1.847,1 mln mc, +40% sul 2012 e +15,8% sul 2011). A livello cumulato nei primi otto mesi l’import fletterispettivamente del 13,8% e del 16,5% sul 2012 e il 2011, laproduzione nazionale dell’8% e del 4,2% mentre le iniezioninette in stoccaggio a partire da aprile sono tornateallineate agli anni scorsi (+1,4% e +0,3%) .

Venendo infine alla scomposizione dell’import per puntod’ingresso, il crollo dell’import non ha impedito alleimportazioni di gas russo di registrare un nuovo forteaumento mensile (+21,4% a 2.216 mln mc) mentre quelle di gasalgerino, anche per effetto della rinegoziazione deicontratti, si dimezzano a 454 mln mc. Complessivamente neiprimi 8 mesi del 2013 le importazioni di gas russo sonoaumentate di quasi il 30% sul 2012 mentre quelle di gasalgerino e del Nord Europa sono diminuite di quasi il 40%.

Praticamente azzerati nel periodo gennaio-agosto i flussi diGnl a Panigaglia (-94%) e in lieve flessione quelli alterminal di Rovigo (-5%).

com-fgl/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su