Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Robin Tax: Assopetroli, bene Governo, eliminati inutili controlli su Pmi

colonna Sinistra
Giovedì 29 agosto 2013 - 16:36

Robin Tax: Assopetroli, bene Governo, eliminati inutili controlli su Pmi

(ASCA) – Roma, 29 ago – ”Nel testo in bozza del Dl sulpubblico impiego, varato dal consiglio dei Ministri lo scorso26 agosto, leggiamo con favore come siano stati finalmenteeliminati almeno i controlli anti-traslazione della Robin Taxeffettuati dall’Autorita’ per l’Energia Elettrica e il Gassulle piccole e medie aziende del settore energetico con unfatturato totale inferiore a circa 480 milioni di euro, chesono obbligate al pagamento della maggiorazione Ires del10,5%, rispetto ad altre aziende operanti in altri settoriproduttivi non soggette a tale imposta che peraltro resta inattesa del pronunciamento di costituzionalita’ da parte dellaCorte Costituzionale”. Lo afferma in una nota Franco Ferrari Aggradi, presidentedi Assopetroli-Assoenergia, secondo cui ”escludere daicontrolli le nostre imprese, che non possono ne’ traslarel’imposta proprio per la loro natura commerciale ne’ incideresul prezzo della materia prima, e’ una norma positiva e dibuon senso che permette alle stesse di liberare le risorseumane ed economiche, sino ad oggi usate per gli onerosissimiadempimenti burocratici richiesti dall’Autorita’ perl’Energia Elettrica ed il Gas, per destinarle allo sviluppocompetitivo dell’impresa e per l’occupazione”.

”E’ un risultato importante – prosegue Franco FerrariAggradi – che Assopetroli-Assoenergia attendeva da moltotempo e per il quale si e’ fortemente spesa con leIstituzioni di riferimento. Dobbiamo quindi dare atto alGoverno Letta e soprattutto al ministro dello SviluppoEconomico Flavio Zanonato, che lo aveva promesso, di avermantenuto gli impegni”. ”Nell’esprimere quindi il nostro plauso al Governo perquanto fatto, – conclude il presidente – confidiamo pero’ chesi prosegua sulla buona strada della collaborazioneintrapresa affinche’ – conclude Ferrari Aggradi – nelprossimo decreto del Fare, di cui gia’ si parla, lo stessoriveda l’articolo 5 comma 1 del dl Fare 1 che dispone, perreperire solo 75 milioni di euro annui, l’allargamento dellaplatea di imprese soggette alla Robin Tax anche alle piccolee piccolissime imprese energetiche a partire dal gennaio del2014, ponendo le stesse nella spiacevole condizione dioperare la difficile scelta tra il pagare la tassa o ilmantenere gli attuali livelli occupazionali”.

com-fch/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su