Header Top
Logo
Domenica 23 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Crisi: Cgia,”credit crunch” soprattutto al Sud e l’usura aumenta

colonna Sinistra
Giovedì 22 agosto 2013 - 10:40

Crisi: Cgia,”credit crunch” soprattutto al Sud e l’usura aumenta

(ASCA) – Roma, 22 ago – La contrazione nell’erogazione delcredito alle famiglie si e’ fatta sentire soprattutto alSud.

Tra il maggio del 2012 e lo stesso mese di quest’anno, lariduzione ha interessato soprattutto la Calabria (-4,3%, pariad una variazione di -374 milioni di euro), la Basilicata(-4,2% che corrisponde a -102 milioni), la Sicilia ed ilMolise (entrambe con -2,7% ed una contrazione rispettivamentedi 789 e di 40 milioni di euro) e la Campania (-2,6% con unmonte impieghi che e’ diminuito di 794 milioni di euro). E’ quanto emerge dall’analisi dell’indice del rischiousura realizzato ormai da piu’ di 15 anni dall’Ufficio studidella Cgia di Mestre, secondo cui dei 5 miliardi di euro inmeno che in questo ultimo anno sono stati concessi allefamiglie italiane, quasi 3 (pari al 59% del totale) sonostati ‘tagliati’ alle famiglie del Mezzogiorno. Per contro, sottolinea l’associazione, si consolida ilrischio usura proprio in queste realta’ del profondo Sud.

Dall’analisi dell’indice del rischio usura realizzato ormaida piu’ di 15 anni dall’Ufficio studi della Cgia, emerge chenel 2012 la Campania, la Basilicata, il Molise, la Calabria,la Puglia e la Sicilia sono le Regioni dove la ‘penetrazione’di questo drammatico fenomeno sociale/economico ha raggiuntolivelli molto preoccupanti.

”In altre parole – segnala Giuseppe Bortolussi segretariodella Cgia – a fronte di una contrazione del credito allefamiglie consumatrici che si e’ fatta sentire soprattutto nelMezzogiorno, c’e’ il pericolo che il rischio usura, gia’presente in questi territori in misura maggiore rispettoaltrove, assuma dimensioni allarmanti”.

Le cifre riportate piu’ sopra sul ”credit crunch” sonostate elaborate dalla CGIA su dati della Banca d’Italia.

L’indice del rischio usura, invece, e’ stato calcolatomettendo a confronto alcuni indicatori regionalizzatiriferiti al 2012: quali la disoccupazione, i fallimenti, iprotesti, i tassi di interesse applicati, le denunce diestorsione e di usura, il numero di sportelli bancari e ilrapporto tra sofferenze ed impieghi registrati negli istitutidi credito. com-fch/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su