Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue: Trigilia, 30 mld risorse europee per nuovo ciclo fondi 2014-2020

colonna Sinistra
Giovedì 8 agosto 2013 - 16:09

Ue: Trigilia, 30 mld risorse europee per nuovo ciclo fondi 2014-2020

(ASCA) – Roma, 8 ago – Il Ministro per la CoesioneTerritoriale, Carlo Trigilia, ha informato il Consiglio deiMinistri sulla Programmazione del ciclo dei fondi europei2014-2020. Il Ministro ha fatto presente che l’ammontare dirisorse europee per il nuovo ciclo sara’ di circa 30 miliardiche potrebbero raddoppiare con il cofinanziamento nazionale.

A tale cifra occorre poi aggiungere l’importo del FondoSviluppo e Coesione che dovra’ essere programmato per iprossimi 7 anni, in stretta integrazione con i fondi europei,nella prossima legge di stabilita’. Entro il mese disettembre sara’ concluso l’Accordo di Partenariato, che e’l’atto principale di impostazione delle scelte per il nuovociclo. ”Per evitare le serie criticita’, sia per la capacita’ dispesa che per la qualita’ della spesa, che ha mostrato l’usodei fondi europei nei precedenti cicli – ha spiegato ilministro – e’ necessario che si parta con il piede giusto,per innovare profondamente l’utilizzo di questa risorsa chee’ strategica e cruciale per la ripresa del paese”.

La nuova strategia dovra’ permettere di selezionare pochepriorita’ sulle quali ”concentrare le risorse in un’otticanazionale, rafforzando un centro di coordinamento nazionaleche aiuti a fare meno cose a farle meglio”. Innanzitutto”occorre puntare gli sforzi, specie nei prossimi due anni,su misure antirecessive capaci di sostenere l’occupazione, inparticolare quella giovanile, le imprese e le economielocali”.

Su questa impostazione illustrata dal ministro e’ statoavviato il confronto con le Regioni, con le quali e’ statoaperto un tavolo unico di coordinamento politico presiedutodal Ministro per la coesione territoriale, al quale venganoportate anche le proposte delle amministrazioni centrali. Il Ministro, davanti al Cdm, ha anche delineato alcunicambiamenti organizzativi delle strutture amministrative chepossano sostenere questa strategia. In questa prospettiva”sara’ importante la creazione di un’Agenzia per la coesioneterritoriale che rinforzi le funzioni di monitoraggio, diassistenza tecnica alla gestione dei programmi e, ovenecessario, di intervento attivo nella gestione deiprogrammi”.

com-brm/rf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su