Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Mps: Mef, nessun bocciatura. Tra Italia e Bruxelles confronto sul piano

colonna Sinistra
Lunedì 29 luglio 2013 - 20:34

Mps: Mef, nessun bocciatura. Tra Italia e Bruxelles confronto sul piano

(ASCA) – Roma, 29 lug – Con una nota il Ministerodell’Economia e delle Finanze (Mef) precisa ”con riferimentoalla corrispondenza da Bruxelles di una testataeconomico-finanziaria in cui si riferisce il contenuto di unalettera del vice-presidente della Commissione UE JoaquinAlmunia al Ministro Fabrizio Saccomanni, il Ministerodell’Economia e delle Finanze (MEF) rammenta di avere avviatola procedura di sostegno alla Banca Monte de’ Paschi di Siena(MPS) nel corso del 2012 e di aver comunicato allaCommissione, il 7 dicembre, l’intenzione di sottoscriverestrumenti finanziari emessi da MPS. Il 17 dicembre 2012 laCommissione ha autorizzato l’operazione, realizzata dal MEFin data 28 febbraio 2013. L’autorizzazione della Commissioneeuropea alla misura di aiuto era condizionata allapresentazione di un piano di ristrutturazione della bancabeneficiaria, che il MEF ha provveduto a notificare il 17giugno 2013.

L’esame del piano da parte della Commissione prosegue come diprassi, in un rapporto di reciproca collaborazione con leistituzione italiane. Il dialogo informale sui contenuti delpiano di ristrutturazione tra MEF e Commissione, che non faparte di una procedura di contenzioso e di cui la letterapubblicata e’ soltanto un passaggio, e’ la modalita’ordinaria in cui si svolge la procedura di verifica dellacompatibilita’ del sostegno finanziario pubblico con ilquadro europeo sugli aiuti di Stato. Un dialogo in costanteevoluzione, aggiornato da interlocuzioni che hanno avutoluogo anche dopo la data del 17 luglio a cui risale lalettera diffusa, allo scopo di approfondire le richiesteformulate dal commissario, fornire ulteriori elementi sulpiano, discutere diverse opzioni.

La diffusione di informazioni intermedie, parziali, e inquanto tali potenzialmente fuorvianti, rischia di generaredisorientamento nell’opinione pubblica e incertezza suimercati, non giustificati in una fase ancora interlocutoriadel negoziato”.

com/red

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su