Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Province: Bonanni, primo segnale positivo ma non basta

colonna Sinistra
Venerdì 26 luglio 2013 - 16:44

Province: Bonanni, primo segnale positivo ma non basta

(ASCA) – Roma, 26 lug – ”Il disegno di legge approvato oggidal Governo sul riordino delle aree metropolitane, leprovince ed i comuni e’ una buona notizia. Ma e’ solo unprimo segnale di una riforma complessiva delle istituzioniche la Cisl sollecita da alcuni anni per semplificare ilivelli amministrativi e venire incontro alle esigenze diefficienza, di riorganizzazione dei servizi ai cittadini, dicontenimento delle spesa e trasparenza delle procedure”. E’ quanto sottolinea il segretario generale della Cisl,Raffaele Bonanni in una nota. ”E’ importante – sottolinea il leader sindacale – che ilGoverno abbia legiferato sulle province e sul riordino ditutte le autonomie locali dopo la bocciatura della CorteCostituzionale di qualche settimana fa. Ma ora vogliamovedere i fatti concreti. Ecco perche’ la battaglia della Cislcontinuera’ piu’ forte di prima, senza fare sconti a nessuno.

Il Governo deve avere ancora piu’ coraggio nella riduzionedei livelli amministrativi e dei costi della politica,valorizzando le professionalita’ dei dipendenti pubblici macancellando i carrozzoni inutili, che sono solo fonte disprechi e corruzione”.

Secondo Bonanni, ”con una seria riduzione ed accorpamentodei livelli istituzionali e amministrativi si possonorisparmiare piu’ di 15 miliardi di euro ogni anno che vannoutilizzati per tagliare le tasse ai lavoratori, ai pensionatie alle imprese che investono”.

Per questo, conclude, ”occorre andare ad unariorganizzazione complessiva di tutti gli apparati pubblici,rivedendo soprattutto i rapporti tra lo Stato e le Regioni,sulla base delle indicazioni fornite dalla commissione deisaggi voluta dal Presidente della Repubblica. I lavoratori ei professionisti pubblici saranno una leva fondamentale delpercorso. La riduzione dei livelli amministrativi e ilriordino istituzionale funzioneranno se ci sara’ un adeguatoinvestimento nel capitale umano. Che significa meno costi,servizi piu’ efficienti, piu’ attenzione a persone eimprese”.

com-fch

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su