Header Top
Logo
Giovedì 22 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Tesoro: Consumatori, vendere riserve auree invece di quote partecipate

colonna Sinistra
Lunedì 22 luglio 2013 - 12:30

Tesoro: Consumatori, vendere riserve auree invece di quote partecipate

(ASCA) – Roma, 22 lug – ”Si e’ parlato molto, in questigiorni, dell’ipotesi di vendita di quote delle societa’pubbliche Eni, Enel e Finmeccanica. Una manovra discutibile,a maggior ragione dal momento che si tratta di aziende cheoperano in settori strategici per l’economia. Si parlipiuttosto di processi di liberalizzazione dei vari settori,vocabolo che sembra ormai sparito dal lessico del Governo,condizionando e vincolando in termini di qualita’ e di costil’intero mercato. Inoltre, non si capisce perche’, invece divalutare la cessione di tali asset, importanti leve disviluppo e di crescita per il Paese, il Governo non si decidaa vendere una parte delle riserve auree”.

Questo il commento dei presidenti di Federconsumatori eAdusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, secondo cui”da anni (in realta’ da quando le quotazioni dell’oro eranoancora piu’ vantaggiose) avanziamo la proposta di venderne il10-15%: operazione che frutterebbe allo Stato circa 10,5miliardi di euro”.

”In un momento delicato e critico, come quello che ilPaese sta attraversando, e’ fondamentale intervenire per farripartire l’economia, investendo sulla crescita e creandooccupazione”, proseguono, spiegando che ”e’ ovvio che taliiniziative non possono prescindere da un adeguatostanziamento di fondi, ma e’ altrettanto ovvio che tali fondinon possono provenire dalle tasche gia’ prosciugate deicittadini, ne’ dalla svendita di aziende che giocano un ruolodi primo piano nel sistema economico”. Per questo, concludono i presidenti ”e’ necessaria lavendita di una minima parte delle riserve auree, i cuiproventi dovranno essere destinati esclusivamente al rilanciodegli investimenti per lo sviluppo tecnologico e la ricerca(ad es. banda larga, agroalimentare, ecc.), indispensabilinon solo per avviare la ripresa occupazionale, ma anche perun concreto aumento della produttivita’ di sistema”.

com-fch/lus/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su